alpadesa
  
Flash news:   Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti” La formaggeria riapre a 24 ore dal raid, Luca: “Siamo forti, andiamo avanti come se nulla fosse” Esposto per i concorsi a premi in città, scatta la solidarietà bipartisan ad Atripalda

Scomparsa preside Enrico Venezia, il ricordo di Lello La Sala

Pubblicato in data: 1/3/2015 alle ore:10:09 • Categoria: Cronaca

luttoFino all’altra sera il preside Enrico Venezia era una degli abituali protagonisti della passeggiata in piazza e della conversazione fitta e serrata sull’attualità. Lo ebbi docente di matematica alla media “Raffaele Masi “ di Atripalda: serio, colto, aggiornato, ci fece scoprire nei primi anni ’60 i segreti dell’insiemistica che aveva sintetizzato in un volumetto che ci donò. Dovrei ancora averlo da qualche parte quel libro: custodito come preziosa testimonianza di una didattica chiara ed efficace e di una scuola ancora capace di offrire speranze. Era l’ultimo figlio di una numerosa famiglia contadina che nella valle del Salzòla aveva costruito nel lavoro dei campi la propria quotidianità (ma che aveva anche incoraggiato l’inclinazione agli studi di alcuni e non aveva mai trascurato la lettura e la musica). Poco più che adolescente, allievo del liceo scientifico “Mancini”, aveva conosciuto e frequentato il gruppo di Vittorio de Caprariis e la sezione del Partito d’Azione in via Belli, poi gli studi universitari a Napoli, la laurea ed una brillante carriera di docente, e poi Preside, Enrico Venezia non aveva mai abbandonato la sua terra e le sue origini. I suoi ricordi, le sue riflessioni, nel 1986 furono raccolti con una mia prefazione in un pregevole volumetto della collana “La Biblioteca del Sabato”, Vita contadina nella valle del Salzòla: una testimonianza consapevole e puntuale di nomi, storie, parole, cunti, ed anche una appassionata testimonianza di affetto che Enrico Venezia rendeva alle sue radici umane e culturali, una eredità oggi ancora più preziosa. In memoria.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *