alpadesa
  
domenica 25 ottobre 2020
Flash news:   Coronavirus, aumentano i contagi in Irpinia: 91 i nuovi casi. Ad Atripalda 3 i positivi Coronavirus, Conte firma il nuovo Dpcm: da lunedì 26 ottobre bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti domenica e festivi Coronavirus, cresce la paura ad Atripalda per i nuovi casi: parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “contagio alunni non c’è motivo di allarme” L’ex consigliere di Atripalda Ulderico Pacia assolto dall’accusa di diffamazione: a denunciarlo l’ex comandante della Polizia municipale Vincenzo Salsano Spaccio di marijuana: salta il confronto in Tribunale tra due imputati atripaldesi e testimoni per difetto di notifica Incidente sulla Variante ad Atripalda tra due auto e un camion: due feriti trasportati al Moscati. Foto Coronavirus, i contagi in Irpinia crescono di 91: si registra un altro caso ad Atripalda Coronavirus, il governatore De Luca: “indispensabile decidere subito il Lockdown” Le aule dell’ex liceo scientifico di via Appia da dicembre utilizzate per la didattica dell’Istituto Comprensivo di Atripalda L’Avellino corsara a Foggia vince 1-2

“Vento di terra”, il ritorno dell’inverno nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 5/3/2015 alle ore:09:30 • Categoria: Cultura

ventoE’ tornato l’inverno sull’Italia. Da metà settimana sulla penisola, dopo un inizio della primavera meteorologica, si è registrato un sostanziale cambio di tendenza, con un rapido peggioramento favorito da un’irruzione di aria fredda proveniente dai quadranti nord orientali, che ha fatto diminuire bruscamente le temperature riportando l’inverno. “Vento di terra”, poesia di Gabriele De Masi, fotografa questo ritorno di inizio marzo.

Vento di terra

 

Soffia  da nord-est. L’ aspettavamo.

Febbraio, inverno,  pagine di  calendario,

ricordano così le annate, per caso,

fredde, calde,  un  fuoristagione, un segno

d’ evento raro, per qualche occasione,

le previsioni  già raccontano, festa

a scuola, carico di legna al focolare,

paglia secca agli animali, serrato, l’uscio

alla tormenta; batte l’anta, preme.

Basso, il cielo bianco della notte;

illuminano la volta i lampioni inerpicati

in tondo sui pendii  fin su al paese,

leggero,  un nottambulo procede  verso casa

preme le mani nel pastrano; la testa nelle spalle.

Ha fretta.  Nevicherà.

 

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *