alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, 218 contagi totali e 155 attualmente positivi ad Atripalda: le raccomandazioni del sindaco Spagnuolo Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta” Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda”

Colpo all’Unieuro, hanno agito di notte in pochi minuti tagliando una porta d’ingresso laterale

Pubblicato in data: 11/3/2015 alle ore:08:52 • Categoria: Cronaca

Unieuro1Hanno agito di notte per mettere a segno il colpo all’Unieuro di via Appia. Un colpo messo a segno in pochi minuti da professionisti che sapevano già cosa rubare. L’azione è stata posta in essere intorno alle due di notte.
I ladri si sono introdotti nell’attività commerciale nonostante fosse scattato l’allarme dopo aver forzato e tagliato una porta d’uscita d’emergenza laterale dell’edificio che ospita la catena italiana di negozi specializzati in prodotti di informatica, telefonia ed elettrodomestici ubicata all’interno del “Parco commerciale Appia”.
Una volta all’interno del negozio si sono diretti verso le vetrine del reparto telefonia dove sono esposti i cellulari.
Dopo aver infranto i vetri, sono riusciti a prelevare numerosi smartphone per un valore di diverse migliaia di euro. Ancora in corso di quantificazione il danno causato all’azienda. I malviventi sono riusciti a portare via i piccoli dispositivi in esposizione riponendoli negli zainetti.
A lanciare l’allarme gli agenti della Cosmopol, al cui istituto di vigilanza privata è collegato il sistema d’antifurto che è subito suonato non appena è stata forzata la porta d’accesso. Un gioco da ragazzi per gli esperti malviventi venuti certamente da fuori provincia che nei pochi minuti che avevano a disposizione prima che arrivasse la pattuglia delle vigilanza privata, hanno ripulito gli scaffali delle vetrinette espositive.
Con la stessa abilità e destrezza i ladri sono riusciti a far perdere ogni traccia, fuggendo di nuovo attraverso la porta laterale per poi sbucare nel retro del parco, allontanandosi così a piede fino alla strada dove ad attenderli quasi certamente vi era un complice in auto. A lanciare l’allarme il sistema di protezione di cui è dotato il negozio. L’antifurto è suonato intorno alle 2 di notte. Ad avvisare il responsabile, l’istituto di vigilanza Cosmopol.
Sul posto i Carabinieri della locale stazione, diretti dal comandante Costantino Cucciniello, che ora coordinano le indagini. Le ricerche sono immediatamente scattate con posti di blocco, ma purtroppo nessuno ha dato per ora esito positivo.
Le forze dell’ordine hanno eseguito anche un sopralluogo per repertare tracce utili alle indagini. Purtroppo il negozio non è invece dotato di un sistema di videosorveglianza per cui non potranno essere utilizzate le immagini ai fini dell’attività investigativa.
Fortunatamente la chiusura dei cancelli esterni al parco commerciale, ha impedito che i ladri potessero avvicinarsi al negozio riuscendo a trafugare anche apparecchiature più costose, come computer ed elettrodomestici.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *