alpadesa
  
Flash news:   Il senatore Ugo Grassi lascia il M5S e passa alla Lega Si rinnova domani l’appuntamento con la tradizione centenaria dei Cicci di Santa Lucia Futuro dell’ex convento di Santa Maria della Purità di Atripalda, parla il sindaco Spagnuolo: «L’iniziativa è a favore dei più bisognosi e si farà utilizzando solo pochi locali. Ringrazio la Fondazione. Come Comune assicureremo attività di controllo e monitoraggio» Giorgia Casaburi e Pasquale Piscitelli vice campioni italiani 2019 di Taekwondo L’associazione di promozione sociale “L’Argine APS” in campo con una raccolta di beni per i detenuti Il futuro dell’ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda accende il dibattito in città Ventidue furti nelle case dell’hinterland avellinese, misure cautelari per due persone L’ex sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo nominato amministratore unico di ACS Accusa un malore mentre attraversa la strada ad Atripalda: paura ieri in via Gramsci Us Avellino, Filippo Polcino è il nuovo Amministratore Delegato

Boom dei musei irpini, visitatori in aumento. Atripalda croce e delizia

Pubblicato in data: 12/3/2015 alle ore:16:59 • Categoria: CulturaStampa Articolo

dogana-dei-graniSono quasi 80mila le persone che nel 2014 hanno fatto visita ad un museo o aree archeologica dell’Irpinia.
Un trend in crescita rispetto al 2013 di circa 3mila visitatori in più.
Un dato in aumento, riferito a tutti i siti, dieci in totale, di competenza del Ministero dei Beni Culturali, che ogni anno monitora l’andamento del turismo culturale in ciascun territorio.
Sempre primo il museo di San Francesco a Folloni di Montella anche registra un notevole calo di visitatori (26.690 nel 2014).
Il secondo museo irpino di competenza Mibac più visitato è senz’altro quello del Palazzo della Dogana dei Grani (foto) di piazza Umberto ad Atripalda che è passato nel giro di un anno da 21.600 visitatori nel 2013 a 23.056 accessi nel 2014.
Nota dolente resta sempre l’area archeologica di Abellinum, chiusa da anni al pubblico per il braccio di ferro in atto tra Soprintendenza e la famiglia Dello Iacono e segnato da carte bollate, ricorsi al Tar, espropri, indennizzi e tante responsabilità.
Il Parco archeologico, che avrebbe dovuto segnare il rilancio del turismo nella cittadina del Sabato, volano di sviluppo, è tristemente fermo invece a zero visite per  l’impossibilità di accedere all’area archeologica, affidata in custodia alla Soprintendenza dalla Procura della Repubblica di Avellino.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *