alpadesa
  
Flash news:   Danneggia il sensore dell’impianto di allarme di un negozio di elettronica, denunciato dai Carabinieri di Atripalda “Regalo un sorriso ad un bambino” per donare nuovi giocattoli ai più piccini di Atripalda meno fortunati La danza sabato e domenica nella Dogana dei Grani di Atripalda Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Approvato il Piano di Gestione Forestale per valorizzare il Parco San Gregorio di Atripalda La Confcommercio premia il fiorista atripaldese Raffaele Di Gisi Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda, Protocollo d’intesa per ospitare famiglie e persone indigenti Giuseppe Petrucciani premiato come socio storico dell’Ucsi Dipendente “infedele” ruba nel supermercato in cui lavora, denunciato dai Carabinieri di Atripalda

Furti in appartamento in città, condannati due fratelli rumeni

Pubblicato in data: 12/3/2015 alle ore:11:33 • Categoria: CronacaStampa Articolo

tribunale-av-ingressoDue fratelli rom ventenni erano finiti alla sbarra per la rapina di un’auto ad una ragazza di Atripalda e per decine di furti perpetrati nella valle del Sabato. Ieri sera presso il Tribunale di Avellino è stata emessa la sentenza di condanna a loro carico: 4 anni e 9 mesi di reclusione. Ad emetterla i giudici del collegio penale di Avellino con presidente Eva Troiano.
I due rom sono stati riconosciuti colpevoli di di ben tredici episodi di furto e di tre tentato furto, mentre sono stati assolti per il reato di rapina.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *