alpadesa
  
Flash news:   Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti” La formaggeria riapre a 24 ore dal raid, Luca: “Siamo forti, andiamo avanti come se nulla fosse” Esposto per i concorsi a premi in città, scatta la solidarietà bipartisan ad Atripalda

Rastelli: «Ingenui nel non chiudere la gara»

Pubblicato in data: 22/3/2015 alle ore:17:16 • Categoria: Avellino Calcio

Massimo Rastelli«Il calcio è bello per questo perché nulla è scontato fino alla fine. Siamo scesi in campo contratti poi siamo entrati in partita, abbiamo segnato e potevamo chiuderla. Nella ripresa sembrava che potessimo chiuderla. Siamo riusciti a contenere il Perugia e con i cambi ho ritenuto opportuno coprirmi di più. Quando non si chiudono le partite si rischia di capitolare e così è successo. Il calcio è fatto anche di questi momenti. Raccogliamo meno di quello che stiamo seminando ma ci riprenderemo». C’è amarezza in sala stampa per la sconfitta con il Perugia maturata nei minuti finali della gara. Il tecnico binacoverde, Massimo Rastelli, non nasconde l’amarezza.«Quando si perdono partite del genere si fa fatica ad accettarlo. Dovevamo vincere 3 a 0 e invece abbiamo perso. Ci sono stati errori individuali. Avremo la forza per ripartire anche se la mazzata è stata pesante». L’Avellino è già pronto a guardare avanti. «Il lavoro è la ricetta. Possono succedere momenti simili. Dobbiamo lavorare sulla testa e limitare i danni. Dobbiamo riprendere a fare punti e ottenere il massimo in ogni gara».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *