alpadesa
  
domenica 08 dicembre 2019
Flash news:   L’Avellino batte 3-1 la Sicula Leonzio. Foto Quattro Notti Bianche ad Atripalda: si parte stasera da via Gramsci tra Villaggio di Babbo Natale, luci d’artista, musica live, street food e artisti di strada Danneggia il sensore dell’impianto di allarme di un negozio di elettronica, denunciato dai Carabinieri di Atripalda “Regalo un sorriso ad un bambino” per donare nuovi giocattoli ai più piccini di Atripalda meno fortunati La danza sabato e domenica nella Dogana dei Grani di Atripalda Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Approvato il Piano di Gestione Forestale per valorizzare il Parco San Gregorio di Atripalda La Confcommercio premia il fiorista atripaldese Raffaele Di Gisi Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda, Protocollo d’intesa per ospitare famiglie e persone indigenti

De Vito rompe il silenzio: «non arrivare ai play off è una sconfitta»

Pubblicato in data: 24/3/2015 alle ore:15:15 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

Enzo De Vito«La mia è una conferenza ordinaria. Sicuramente sabato l’approccio alla gara è stato sbagliato. I numeri sono chiari e parlano di tre sconfitte in quattro partite ma guardiamo avanti. Pensiamo al Catania e restiamo con i piedi per terra. E’ importante essere uniti: società, stampa e tifosi. La squadra ha bisogno della scossa giusta e in questo Rastelli e De Vito possono fare poco. I miracoli li fanno i santi in paradiso, noi dobbiamo solo lavorare. Si vince insieme e si perde insieme, lo scaricabarile non serve a nessuno. Solo remando insieme possiamo fare grossi risultati». Rompe il silenzio questa mattina il Ds Enzo De Vito. «Chi cerca alibi è un perdente. Cercare ad ogni partita il responsabile è sbagliato. Stiamo vivendo un sogno e facciamo si che il momento negativo passi in fretta». De Vito condivide la visione del presidente Taccone. «Anche per me non arrivare ai play off sarà una brutta sconfitta ed io farò le mie valutazioni. Io o Rastelli non abbiamo vinto un concorso, veniamo valutati dai risultati. Penso di aver effettuato le decisioni giuste, valuteremo poi al termine del campionato».
Sul campionato poi spiega «Questo campionato ci consegna un dato oggettivo: ci vuole corsa e quantità. L’Avellino se perde la fame non arriva in nessun posto. Senza qualità e quantità si fanno solo brutte figure».
La ricetta per superare il momento negativo secondo il  direttore sportivo è:«Non ci fanno paura le difficoltà. La squadra ha compreso il momento. Abbiamo accusato il colpo e sappiamo che tutti uniti, da Catania in poi, possiamo continuare a coltivare il sogno. Non dobbiamo perdere l’entusiasmo. I tifosi, il direttore, il presidente devono sapere che questa è la migliore squadra che Avellino possa avere. I bilanci si fanno a fine stagione. Restiamo uniti».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *