alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, un nuovo contagiato ad Atripalda Biblioteca comunale ancora chiusa, “Idea Atripalda” incalza l’Amministrazione Spagnuolo Caccia ai contribuenti morosi di Imu, Tari e altre tasse comunali ad Atripalda Manutenzione stradale e parcheggio via Gramsci, sbloccati i fondi dalla Giunta Spagnuolo Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori

“L’ultima partita” oggi si presenta il libro di Anzante nell’ex sala consiliare

Pubblicato in data: 24/3/2015 alle ore:16:34 • Categoria: Cultura

L'ultima partita libroIl dopo terremoto in Irpinia, una ferita ancora aperta?” è il titolo del confronto per la presentazione del libro di Donato Anzante “L’ultima partita”che sarà presentato questo pomeriggio, alle ore 18, presso l’ex sala consiliare di piazza Sparavigna.
Con l’autore interverrà don Gerardo Capaldo, che modererà l’incontro. Dopo i saluti del sindaco Paolo Spagnuolo e di Don Ranieri Picone ci sarà l’introduzione affidata al preside Angelo Festa.
Previsti poi gli interventi dell’ex sindaco Antonio Felice Caputo, Vanni Chieffo del Gal Irpinia e del presidente emerito del Tribunale di Avellino Gennaro Iannarone.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *