alpadesa
  
Flash news:   Il senatore Ugo Grassi lascia il M5S e passa alla Lega Si rinnova domani l’appuntamento con la tradizione centenaria dei Cicci di Santa Lucia Futuro dell’ex convento di Santa Maria della Purità di Atripalda, parla il sindaco Spagnuolo: «L’iniziativa è a favore dei più bisognosi e si farà utilizzando solo pochi locali. Ringrazio la Fondazione. Come Comune assicureremo attività di controllo e monitoraggio» Giorgia Casaburi e Pasquale Piscitelli vice campioni italiani 2019 di Taekwondo L’associazione di promozione sociale “L’Argine APS” in campo con una raccolta di beni per i detenuti Il futuro dell’ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda accende il dibattito in città Ventidue furti nelle case dell’hinterland avellinese, misure cautelari per due persone L’ex sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo nominato amministratore unico di ACS Accusa un malore mentre attraversa la strada ad Atripalda: paura ieri in via Gramsci Us Avellino, Filippo Polcino è il nuovo Amministratore Delegato

“L’ultima partita” presentato nell’ex sala consiliare il libro di Anzante. FOTO

Pubblicato in data: 26/3/2015 alle ore:21:10 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Libro Anzante1Uno spaccato del post-sisma in Irpinia segnato da corruzione e tangenti per accaparrarsi i lavori di ricostruzione in un comune alle falde del Terminio.
Il dopo terremoto in Irpinia, una ferita ancora aperta?” è stato il titolo del confronto svoltosi l’altra sera per presente il libro di Donato Anzante “L’ultima partita” presso l’ex sala consiliare di piazza Sparavigna.
Con l’autore a moderare l’incontro è stato don Gerardo Capaldo. L’’introduzione è stata affidata al preside dell’Itc “Jean Monnet” di Monteforte, Angelo Festa, che ha tracciato la storia ed il contesto nel quale si muovono i protagonisti del libro.
Tra gli interventi quelli dell’ex sindaco di Aiello e consigliere provinciale Antonio Felice Caputo e Vanni Chieffo del Gal Irpinia. Il libro sarà oggetto anche di un cortometraggio.
Lo sfondo sul quale si muovono i protagonisti della storia, vincitori e vinti, è rappresentato da un paese dell’Irpinia, uno come tanti, devastato da quel terribile 23 novembre 1980; qui Anzante ci conduce per raccontare il dramma di chi ha perso i propri cari e non si è più ripreso ma anche la storia di chi invece ha vissuto quell’esperienza come un modo per arricchirsi e ripartire. In effetti “l’ultima partita” rappresenta un pò l’ultima possibilità per un territorio che tuttavia non è riuscito a sfruttarla, l’ennesima occasione sprecata per questa terra che subisce un gioco di potere che la immobilizza e la soffoca. Il motore della storia si può individuare proprio nella lotta per l’affermazione di piccoli gruppi di potere che credono di conoscere gli ingranaggi di un sistema troppo grande che invece finisce per inghiottirli. E alla fine rimane solo l’amarezza per l’ennesima occasione sprecata.
Libro Anzante3 Libro Anzante2

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *