alpadesa
  
sabato 31 ottobre 2020
Flash news:   Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 163 in Irpinia Allarme al Distretto Sanitario di Atripalda: accertata la positività al Covid-19 di alcuni operatori sanitari e non nell’area materno infantile. Al via i tamponi e sanificati gli ambulatori Al via gli interventi di rifacimento del manto stradale di via Serino ad Atripalda. Foto Si appropriò indebitamente dell’auto della sua fidanzata di Atripalda: prosciolto dal processo Coronavirus, nuovo record in Italia: sono 31.084 i nuovi contagi Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda

Area Popolare, parla il capogruppo Dimitri Musto: «Restiamo all’opposizione, non siamo attaccati alle poltrone. A difesa degli interessi di Atripalda»

Pubblicato in data: 2/4/2015 alle ore:09:15 • Categoria: Area popolare, Politica

dimitri-musto-in-consiglio«Aderiamo all’Area Popolare perché è la nostra connotazione naturale visto che l’Udc è confluita insieme ad Ncd in un nuovo soggetto politico con caratteristiche democratiche e cattoliche». A parlare è il riconfermato capogruppo consiliare di Area Popolare Dimitri Musto (foto) che spiega la decisione  assunta insieme ai consiglieri Antonio Iannaccone e Geppino Spagnuolo di modificare la denominazione del gruppo consiliare da Udc in Area Popolare, seguendo così l’evoluzione politica che si sta determinando a livello nazionale. «Nell’associazione Area Popolare – prosegue – sono confluiti i partiti Udc, Ncd e altri movimenti locali di ispirazione popolare, e di cui uno dei riferimenti principali a livello nazionale è l’amico onorevole Giuseppe De Mita, ed in continuità con l’impegno di questo gruppo consiliare manifestato già in occasione delle recenti elezioni provinciali, partecipando con un proprio esponente al Movimento per la Costituente Popolare».
L’Udc, fino a poco tempo fa alleata di Spagnuolo, è fuoriuscita dalla giunta ed è passata all’opposizione dell’Amministrazione, che si ritrova a governare la città con il voto di un solo consigliere comunale in più. Un 9 a 8 che si è già concretizzato su argomenti importanti come la vendita del Centro Pmi e la salvaguardia degli equilibri di bilancio, dove Spagnuolo ha registrato una vittoria al fotofinish.
«Restiamo all’opposizione – conclude Musto – perché non condividevamo più il percorso che ci aveva visto insieme sin dalla vittoria elettorale ai primi due anni di amministrazione. Finché siamo stati uniti abbiamo dato un contributo fattivo al governo della città nella risoluzione delle problematiche che interessano i cittadini che è la prima cosa che guardiamo. Poi lo strappo nonostante la nostra presenza forte e radicata in giunta. Abbiamo deciso di lasciare la maggioranza dimostrando di non essere attaccati in nessun modo alle poltrone. Anche non avendo più deleghe saremo sempre attenti e vigili su tutte le problematiche. Non ci tireremo indietro a dare il nostro contributo su questioni che sono a favore dei cittadini ma valuteremo di volta in volta le singole azioni, pronti a dire no a quello che va contro la città e a votare sì quello che riteniamo sia nell’interesse di Atripalda. Come consiglieri siamo impegnati a seguire, anche se dall’opposizione, i progetti che avevamo ideato come gruppo Udc quando eravamo in maggioranza, come i parcometri che mancavano solo ad Atripalda».

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “Area Popolare, parla il capogruppo Dimitri Musto: «Restiamo all’opposizione, non siamo attaccati alle poltrone. A difesa degli interessi di Atripalda»”

  1. Cittadino ha detto:

    Cambiate solo nome, ma siete sempre gli stessi.

  2. marco ha detto:

    A difesa dei cittadini Atripaldesi.
    Dite cosa avete fatto è che proponete di fare per il futuro per la città di Atripalda.
    Parecchi, a fine maggio, si devono mettere parecchie patate sulla fronte per il Mal di testa che gli verrà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *