alpadesa
  
Flash news:   Ordinanza coprifuoco Campania: operativa da venerdì 23 ottobre Coronavirus, 47 nuovi contagi in Irpinia Vandali di nuovo in azione nel centro storico, imbrattata Piazzetta degli Artisti ad Atripalda: lo sdegno sui social. Foto Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati Finisce in pareggio il derby campano tra Avellino e Juve Stabia La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino

Fondi di Solidarietà 2015, Comuni irpini penalizzati. Atripalda incassa 961.474,23 (nel 2013 erano 1.290.593,66) e dovrà restituire con l’Imu ben 646.581,59 euro

Pubblicato in data: 17/4/2015 alle ore:10:28 • Categoria: Comune

municipio-atripalda-bandiereNuovi tagli ai Fondi di solidarietà comunale 2015. Ieri mattina il Ministero dell’Interno, attraverso il proprio portale informativo di finanzalocale.it ha reso noti i dati delle quote spettanti ai singoli comuni italiani e delle somme che verranno invece trattenute, per alimentare il Fondo stesso, con una riduzione pari al 38,23% calcolata sull’Imu (imposta municipale) standard per il corrente anno. Ed è un ecatombe per tutti i comuni irpini, alle prese in questi giorni con l’approvazione dei bilanci di previsione, che si troveranno non solo a dover far fronte ad una diminuzione anche del 50% delle quote singole spettanti ad ogni ente locale rispetto a quelle incassate negli anni passati, ma dovranno cedere anche una buona fetta delle risorse raccolte attraverso la riscossione dell’Imu per finanziare il fondo di solidarietà.
Somme queste che verranno trattenute a monte dallo Stato, attraverso il recupero affidato all’Agenzia delle Entrate, e poi girati ad altri enti in difficoltà. E così gli amministratori locali si ritroveranno con altre risorse finanziarie a disposizione in meno vedendosi  costretti a dover decidere se tagliare ulteriormente i servizi erogati ai cittadini o procedere ad un aumento aggiuntivo dell’imposizione locale.
Il Fondo di Solidarietà Comunale è un contenitore a livello nazionale alimentato con una parte del gettito Imu di competenza dei comuni, da ripartire con modalità fissate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Introdotto dalla Legge di Stabilità 2013 ha sostituito il vecchio Fondo Sperimentale di Riequilibrio previsto dal Decreto 23/2011 sul Federalismo Fiscale con il fine di limitare le disuguaglianze del gettito immobiliare tra città ricche e città povere. Leggendo i dati per il 2015 il comune di Avellino incassa come Fondo di solidarietà per quest’anno  7.060.381,30, un dato in netto calo, come per tutti gli altri principali comuni irpini, rispetto ai 9.384.443,56 percepiti nel 2013. Oltre questa forte perdita per l’anno 2015 il comune capoluogo si vedrà trattenuto sulla riscossione dell’Imu ben 4.038.542,59 euro, somma a cui dovrà rinunciare e che sarà girata per finanziare il fondo stesso.
Non va meglio per il secondo comune irpino, Ariano, che incassa 3.787.563,94 ma ben lontani dai 4.767.013,81 percepiti nel 2013. L’ente comunale del Tricolle per l’anno in corso dovrà rinunciare a 1.101.359,77 euro da quanto riscosso con l’imposta comunale sugli immobili.
Segno meno anche per Montoro  che per il 2015 vede arrivare nelle proprie casse la somma di 1.589.853,92 ben lontana da quelle percepite prima dell’unificazione. Al 2013 infatti Montoro Inferiore incassava 1.248.500,99 mentre Montoro Superiore  828.686,04. Sempre la città della valle dell’Irno si vedrà trattenere a monte con l’Imu 2015 ben 718.658,01 euro. Anche Solofra non se la passa meglio, nel 2015 avrà come fondo di solidarietà  1.318.378,68quando nel 2013 incassava quasi il doppio pari a 2.407.925,26. La città della concia dovrà rinunciare sull’Imu 2015 a 600.816,19 euro.
Chi perde un po’ meno rispetto agli altri è Atripalda che vede assegnarsi per il 2015 una quota di 961.474,23 rispetto ai 1.290.593,66 ricevuti nel 2013. Per quest’anno la cittadina del Sabato con l’Imu 2015 dovrà restituire 646.581,59.
Monteforte Irpino avrà invece  441.830,69 rispetto ai 607.206,46 del 2013 e dovrà contribuire con una quota di 554.563,71 al Fondo di Solidarietà comunale. Mercogliano è il comune che incassa meno rispetto a quanto contribuisce al Fondo: per quest’anno solo 108.270,01 rispetto ai 282.311,75 avuti nel 2013. Il comune di Mamma Schiavona dovrà invece contribuire con 642.785,41 euro al Fondo nazionale. Lioni ottiene 717.862,93 a fronte degli 888.822,71 del 2013. Il suo contributo per quest’anno al Fondo è pari a 405.830,52. Infine per Cervinara in arrivo 1.885.138,20 rispetto ai 2.287.687,47 del 2013. Il contributo di quest’anno al Fondo per l’ente della Valle Caudina è di 321.393,34.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “Fondi di Solidarietà 2015, Comuni irpini penalizzati. Atripalda incassa 961.474,23 (nel 2013 erano 1.290.593,66) e dovrà restituire con l’Imu ben 646.581,59 euro”

  1. amiko del pallonetto ha detto:

    ai visto adesso il gettito imu non viene piu’ amministrato dai komuni ma va ad un altro livello(vuoi vedere che faremo la fine dell’ici(per fortuna zio silvio l’aboli): viva il pds ex pci ora pd??

  2. Bruno ha detto:

    Molte sono le spese inutili al Comune, che andrebbero rimosse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *