alpadesa
  
sabato 31 ottobre 2020
Flash news:   Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 163 in Irpinia Allarme al Distretto Sanitario di Atripalda: accertata la positività al Covid-19 di alcuni operatori sanitari e non nell’area materno infantile. Al via i tamponi e sanificati gli ambulatori Al via gli interventi di rifacimento del manto stradale di via Serino ad Atripalda. Foto Si appropriò indebitamente dell’auto della sua fidanzata di Atripalda: prosciolto dal processo Coronavirus, nuovo record in Italia: sono 31.084 i nuovi contagi Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda

Attimi di tensione ieri al Comune, rumeno si strappa la camicia e minaccia il sindaco

Pubblicato in data: 7/5/2015 alle ore:07:00 • Categoria: Cronaca

Paolo SpagnuoloAttimi di tensione ieri mattina al Comune nella stanza del primo cittadino. Un rumeno sui trent’anni, approfittando dell’orario di ricevimento al pubblico, ha chiesto di poter parlare con il sindaco ma poi è andato in escandescenza minacciando di incendiare il Municipio e di voler uccidere Spagnuolo. Si è strappato la camicia inveendo contro il sindaco fino a quando è intervenuto il comandante dei Vigli Salsano che lo ha portato via.
Tutto ha avuto inizio dopo l’ok del personale comunale preposto al controllo quando l’uomo è stato accolto dal primo cittadino nella sua stanza.
Ha raccontato dapprima la sua storia di venditore ambulante di calzini più volte in passato fermato in città dai Carabinieri che gli hanno sequestrato la merce e 169 euro in contanti. Giorni fa aveva presentato opposizione al Comune chiedendo la restituzione dei soldi. Sul diniego espresso dal responsabile dell’ufficio che ha respinto la richiesta trattandosi di accattonaggio, ieri mattina il rumeno  voleva che fosse lo stesso Spagnuolo a restituirgli i 169 euro asserendo «Io non rubo». Poi si è strappato la camicia davanti al sindaco, ha stracciato le carte e si è buttato a terra «minacciando di voler incendiare il Comune e di volermi sparare – racconta il sindaco pochi minuti dopo – fino a quando non è stato allontanato dal Comandante dei vigili. Certo c’è una situazione critica di disagio sociale nel Paese verso la quale c’è una stato d’impotenza. Ogni giorno ricevo persone che chiedono una casa, soldi per pagare le bollette e mettere un piatto a tavola per la famiglia». L’episodio non  ha intimorito Spagnuolo che ha subito ripreso a ricevere nella propria stanza altri cittadini. «Si respira in Italia una situazione incredibile in Italia e le persone in difficoltà si rivolgono al Comune come ultimo baluardo – conclude con un amaro sfogo -. La crisi economica sta aumentando questi momenti di disperazione, un problema serio che dovrebbe essere affrontato a livello nazionale dal Governo con una politica economica forte che consenta a l’Italia di tornare a crescere e creare nuovi posti di lavoro, prima di ogni altra cosa. Il lavoro risolverebbe tutto. Solo così si potrebbe stemperare questo clima di disperazione. Ma  francamente questa politica  non lo vedo a livello nazionale».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *