alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani Alvanite, dopo le nuove polemiche interviene l’assessore al Patrimonio Del Mauro: «Il quartiere sconta almeno quindici anni di mancata manutenzione che certamente non si può imputare a quest’amministrazione. Noi stiamo facendo il possibile, ma non sono case con la scadenza, questa è una barzelletta»

Ladri in fuga dopo una rapina in contrada Tufarole, folle corsa sull’A16 contromano

Pubblicato in data: 8/5/2015 alle ore:13:51 • Categoria: Cronaca

pedaggio_telepassFolle corsa contromano sull’A16 di ladri in fuga su una Bmw grigia. Squadre Volanti, polizia stradale, carabinieri di Atripalda ieri sera hanno cercato di fermare la corsa di un’auto che a tutto gas ha percorso per un breve tempo l’autostrada contromano.

Nell’auto c’erano gli autori del tentativo di rapina commesso in una villetta di contrada Tufarole ad Atripalda. I ladri, avevano già commesso un furto in precedenza a Solofra, dopo aver tentato di svaligiare l’appartamento hanno cominciato a dileguarsi per le strade di Torrette in direzione Autostrada. Qui hanno preso l’autostrada in direzione Baiano.
I carabinieri avevano già notato l’auto sospetta e hanno cominciato a seguirla. Da qui la corsa spericolata in autostrada. Sono stati esplosi anche colpi di arma da fuoco da parte della stradale di Avellino in aria per cercare di intimidire i ladri.  Ma non c’è stato nulla da fare. I malviventi per forzare un posto di blocco al casello di Baiano hanno invertito la rotta, con una manovra spericolata e pericolosa di inversione ad U sulla stessa corsia di marcia, per procedere poi contromano verso Bari. Giunti al chilometro 118, tra Lacedonia e Canosa, hanno abbandonato la vettura e si sono dileguati a piedi per le campagne circostanti.
Le indagini e le ricerche sono ancora in corso con posti di blocco su tutto il territorio provinciale.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Inchiesta “badge malati”, coinvolte anche due donne atripaldesi dipendenti dell’Asl. Ferrante: “saranno tutti licenziati”

"Saranno tutti licenziati". Non usa mezze misure il Commissario dell'Asl Avellino Mario Ferrante per commentare gli esiti dell'inchiesta che ha Read more

Tenta un furto all’interno di un’autovettura parcheggiata: beccato 35 atripaldese

Gli Agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino Read more

Blitz al Comune, la Polizia indaga i quattro dipendenti comunali per truffa aggravata in concorso e continuata. FOTO

Alle prime ore del mattino personale della Squadra Mobile procedeva ad effettuare una serie di perquisizioni a carico di 4 Read more

Agguato sotto casa all’opinionista tv Mario Barisano

L'imprenditore e opinionista televisivo, Mario Barisano, molto conosciuto ad Atripalda sia per le sue attività commerciali che per i suoi Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *