alpadesa
  
Flash news:   Ventidue furti nelle case dell’hinterland avellinese, misure cautelari per due persone L’ex sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo nominato amministratore unico di ACS Accusa un malore mentre attraversa la strada ad Atripalda: paura ieri in via Gramsci Us Avellino, Filippo Polcino è il nuovo Amministratore Delegato Buona affluenza per la prima Notte Bianca atripaldese in via Gramsci. FOTO Us Avellino, Aniello Martone è il nuovo Direttore Generale Us Avellino, trovato l’accordo: presidente Luigi Izzo e Nicola Circelli vice Le studentesse atripaldesi Silvia Minichini e Chiara Pierno premiate all’Università di Salerno Muore a 36 anni, addio ad Angelo De Angelis: Original Fans e Scandone in lutto Bisceglie espugna il Paladelmauro

L’auto della rapina a contrada Tufarole rubata ad aprile nel Casertano: le minacce alle vittime con la pistola e poi la fuga

Pubblicato in data: 10/5/2015 alle ore:11:02 • Categoria: CronacaStampa Articolo

polizia-stradaleProseguono le indagini per dare un volto agli autori della rocambolesca fuga contromano sulla Napoli-Bari. Gli agenti della Polizia stradale, coordinati dal comandante Renato Alfano, stanno lavorando alacremente per risalire ai quattro malviventi che giovedì sera, reduci da un furto a Solofra ed un altro tentato ad Atripalda, per sfuggire alle forze dell’ordine, a bordo di una potente Bmw rubata, hanno dato vita ad una folle corsa lungo l’A16 percorrendo un lungo tratto, tra il casello di Baiano e quello di Candela, contromano ad una velocità di oltre 200 km orari.
Dalle dichiarazione delle vittime non si è riusciti a capire se gli autori dei furti siano stranieri o italiani.
L’automobile utilizzata e poi abbandonata nei pressi del casello di Candela, una Bmw 530 di colore grigio scuro, è stata rubata il 20 aprile scorso lungo il litorale casertano. Nel bagagliaio dell’automobile la Polizia ha rinvenuto un vero e proprio arsenale composto da attrezzi utili allo scasso per i furti nelle abitazioni.
«C’è un’attività investigativa in corso – spiega il vice questore Alfano – che spero possa dare i frutti nei prossimi giorni. Stiamo seguendo delle ipotesi investigative concrete su cui lavoriamo».
Oltre non dice il comandante della Polstrada per proteggere l’indagine in corso.

Quasi 100 i chilometri percorsi in autostrada contromano l’altra sera dalla Bmw con gli automobilisti che sono riusciti a scansare miracolosamente l’auto grazie al tempestivo intervento della Polizia, che ha bloccato tutti i varchi in entrata ed uscita dell’A16, facendo segnalare il pericolo sui tabelloni luminosi. Una vera e propria caccia all’uomo che ha coinvolto oltre la Polstrada anche le Squadre Volanti della Questura di Avellino ed i Carabinieri del Comando provinciale di Avellino.

I ladri dopo aver ripulito di gioielli e contanti un appartamento del centro di Solofra, hanno provato, senza riuscirvi perché subito è scattato l’allarme, a trafugare preziosi da una villetta in contrada Tufarole, nel territorio ai confini tra Atripalda ed Avellino.
Non appena scoperti sono fuggiti via a tutto gas lungo la Variante prima, e per le strade di Torrette di Mercogliano poi fino ad imboccare l’autostrada in direzione Baiano. Qui all’altezza dello svincolo per evitare un posto di blocco della polizia, hanno effettuato un testa coda rocambolesco con inversione sulla propria corsia di marcia per riprende la fuga contromano in direzione Bari. Nel corso dell’inseguimento autostradale sono stati esplosi in aria anche colpi di arma da fuoco da parte della Stradale per cercare di intimidire i ladri. Sentendosi braccati hanno poi abbandonato l’auto al km 121, nei pressi dello svincolo per Candela, e si sono dileguati a piedi tra la fitta boscaglia mentre la Polizia è riuscita a recuperare l’auto e la refurtiva.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *