alpadesa
  
sabato 07 dicembre 2019
Flash news:   Danneggia il sensore dell’impianto di allarme di un negozio di elettronica, denunciato dai Carabinieri di Atripalda “Regalo un sorriso ad un bambino” per donare nuovi giocattoli ai più piccini di Atripalda meno fortunati La danza sabato e domenica nella Dogana dei Grani di Atripalda Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Approvato il Piano di Gestione Forestale per valorizzare il Parco San Gregorio di Atripalda La Confcommercio premia il fiorista atripaldese Raffaele Di Gisi Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda, Protocollo d’intesa per ospitare famiglie e persone indigenti Giuseppe Petrucciani premiato come socio storico dell’Ucsi Dipendente “infedele” ruba nel supermercato in cui lavora, denunciato dai Carabinieri di Atripalda

Successo per il corso di pizzaiolo ai detenuti del carcere di Bellizzi

Pubblicato in data: 14/5/2015 alle ore:10:37 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Antonio Guida pizzaioloLa carcerazione come opportunità di imparare il mestiere di pizzaiolo.
Espiare una pena detentiva alla Casa Circondariale di Bellizzi Irpino può diventare il momento per crearsi un’occasione di riscatto che facili l’inserimento nella società.
Sono state queste le finalità del primo corso per “Pizzaiolo” finanziato nell’ambito del Por Campania FSE 2007/13 ASSEIII OB. OP. G11 promosso dalla Direzione della Casa Circondariale di Bellizzi Irpino-Avellino ed organizzato dall’Ente di Formazione C.S.F. (Centro Servizi e Formazione).
Il corso, della durata di 5 mesi, ha visto la partecipazione di 15 detenuti, ai quali è stato anche rilasciato un attestato finale dalla Regione Campania.
Un successo per il primo corso che sta spingendo l’organizzazione di una seconda edizione.
E’ stata un’esperienza  costruttiva – racconta il maestro piazzaiolo Antonio Guida (Foto) della pizzeria Verdebasilico di Avellino -. L’obiettivo è quello di agevolare i ragazzi a trovare un inserimento diverso nella società una volta scontata la pena .I ragazzi si sono comportati in modo eccellente tanto che il corso di pizzaiolo è stato quello in cui si è registrato il più basso tasso di assenteismo.L’unico dispiacere è stato quello di non aver potuto accogliere oltre quindici partecipanti“.
Al corso, che ha collaborato il tutor Veronica Guida, è seguito una manifestazione conclusiva.
Il corso – spiega il direttore del CSF Srl, dottor Tommaso Marrone – ha rappresentato il giusto epilogo di un percorso che ha visto coinvolti non solo i nostri docenti ma tutto l’organico della struttura carceraria, entusiasti per questa prima edizione. In particolar modo è da sottolineare la fondamentale collaborazione del direttore del Carcere, dottor Paolo Pastena, che insieme ai sui collaboratori tra cui la dottoressa Angela Ranucci, hanno fatto si che si creassero le giuste condizioni affinché il corso si svolgesse nel migliore dei modi”.
Nella manifestazione conlcusiva, alla quale hanno preso parte le scuole superiori ed elementari della casa circondariale, i futuri pizzaioli hanno preparato una degustazione di pizze di tutti i gusti per la gioia dei presenti.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *