alpadesa
  
sabato 24 agosto 2019
Flash news:   Oggi inaugura il “Pettirosso”, primo Parco Avventura della cittadina del Sabato Esplosione al Palazzo Vescovile di Avellino, solidarietà del sindaco Spagnuolo e dell’Amministrazione comunale di Atripalda Children’s Day 2019, causa maltempo la manifestazione slitta al 7 e 8 settembre Scarichi di acque reflue industriali nel fiume Sabato, i Carabinieri Forestali denunciano il titolare di un’azienda Accorpamento temporaneo mercato del giovedì a parco Acacie, pubblicata la graduatoria degli operatori commerciali Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO

Rastelli: «Playoff coronamento di tre anni di lavoro»

Pubblicato in data: 17/5/2015 alle ore:09:30 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

Massimo Rastelli«C’è il rammarico perché avremmo meritato la vittoria. Non siamo stati bravi a chiuderla e abbiamo preso gol all’ultimo respiro. Per una volta i risultati degli altri campi ci hanno favorito. Contenti di aver conquistato il primo grande obiettivo che ci eravamo fissati». E’ raggiante Massimo Rastelli in sala stampa. I biancoverdi ai play off. «E’ il coronamento di tre anni di lavoro. Migliorarsi non è facile. Ci godiamo per 24 ore questo momento. Solo al triplice fischio ho saputo dei risultati di Varese e Livorno. Dall’amarezza siamo passati alla felicità. Spero che dopo aver superato questa barriera, la squadra acquisti maggiori energie».
Sui due possibili avversari dei play-off: «Perugia e Spezia sono due avversari difficili. Sarebbe sbagliato fare calcoli. Mi piacerebbe incontrare il Perugia per un motivo di rivalsa». Sulla scelta di schierare Mokulu dal primo minuto «Per il tipo di partita mi serviva un calciatore come lui. Dà molto di più dall’inizio che negli ultimi minuti. Se non mi avesse convinto avrei avuto dei validi cambi. Ha fatto un’ottima gara. Avrebbe meritato il gol».
I momenti brutti per il suo Avellino con «il dopo Varese è stato il momento più difficile. Lì si è spezzato il feeling tra squadra e pubblico. Lo abbiamo pagato contro Entella e Crotone. Poi siamo stati bravi a fare quadrato. Abbiamo dimostrato che tutte le dicerie erano false e che volevamo conquistare quell’obiettivo. Ora vogliamo continuare. In quarantadue tappe è normale che ci siano dei momenti no. C’è rammarico per quel mese e mezzo in cui abbiamo perso tanti punti. Sono comunque contento perché alla fine ce la siamo giocata con tutte. Non siamo favoriti e quindi questo aspetto giocherà a favore nostro».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *