alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.994 con i morti che salgono a 221. In Campania nuovo record Coronavirus, un nuovo caso ad Atripalda e 93 in Irpinia Cinque offerte per la gestione del Farmer Market di Atripalda: l’assessore Musto: “c’è forte interesse” Padre Gerardo Di Paolo è il nuovo Direttore della Biblioteca Statale di Montevergine Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 69 in Irpinia Coronavirus, Idea Atripalda scrive al sindaco per chiedere un punto drive test per effettuare i tamponi naso-faringei L’Avellino travolge la Casertana: 3-1 il finale Si chiude la controversia giudiziaria tra il Comune di Atripalda e la Ingino Spa dopo che il Tar di Salerno dà ragione all’azienda agroalimentare Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.273. In Campania nuovo record Coronavirus, aumentano i contagi in Irpinia: 91 i nuovi casi. Ad Atripalda 3 i positivi

Rastelli: «Playoff coronamento di tre anni di lavoro»

Pubblicato in data: 17/5/2015 alle ore:09:30 • Categoria: Avellino Calcio

Massimo Rastelli«C’è il rammarico perché avremmo meritato la vittoria. Non siamo stati bravi a chiuderla e abbiamo preso gol all’ultimo respiro. Per una volta i risultati degli altri campi ci hanno favorito. Contenti di aver conquistato il primo grande obiettivo che ci eravamo fissati». E’ raggiante Massimo Rastelli in sala stampa. I biancoverdi ai play off. «E’ il coronamento di tre anni di lavoro. Migliorarsi non è facile. Ci godiamo per 24 ore questo momento. Solo al triplice fischio ho saputo dei risultati di Varese e Livorno. Dall’amarezza siamo passati alla felicità. Spero che dopo aver superato questa barriera, la squadra acquisti maggiori energie».
Sui due possibili avversari dei play-off: «Perugia e Spezia sono due avversari difficili. Sarebbe sbagliato fare calcoli. Mi piacerebbe incontrare il Perugia per un motivo di rivalsa». Sulla scelta di schierare Mokulu dal primo minuto «Per il tipo di partita mi serviva un calciatore come lui. Dà molto di più dall’inizio che negli ultimi minuti. Se non mi avesse convinto avrei avuto dei validi cambi. Ha fatto un’ottima gara. Avrebbe meritato il gol».
I momenti brutti per il suo Avellino con «il dopo Varese è stato il momento più difficile. Lì si è spezzato il feeling tra squadra e pubblico. Lo abbiamo pagato contro Entella e Crotone. Poi siamo stati bravi a fare quadrato. Abbiamo dimostrato che tutte le dicerie erano false e che volevamo conquistare quell’obiettivo. Ora vogliamo continuare. In quarantadue tappe è normale che ci siano dei momenti no. C’è rammarico per quel mese e mezzo in cui abbiamo perso tanti punti. Sono comunque contento perché alla fine ce la siamo giocata con tutte. Non siamo favoriti e quindi questo aspetto giocherà a favore nostro».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *