alpadesa
  
Flash news:   Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda La Misericordia di Atripalda si aggiudica la gestione dell’edificio comunale dell’ex Volto Santo. Il presidente Aquino: “momento di crescita e di svolta per noi” Riparazioni alla centrale idrica di Cassano Irpino: 102 comuni senza acqua da domani Alvanite, dopo le nuove polemiche interviene l’assessore al Patrimonio Del Mauro: «Il quartiere sconta almeno quindici anni di mancata manutenzione che certamente non si può imputare a quest’amministrazione. Noi stiamo facendo il possibile, ma non sono case con la scadenza, questa è una barzelletta» “Atripalda ricomincia a correre”, lettera d’amore alla città del decano dei commercianti Pasquale Pennella

Regionali, il capolista Carlo Iannace :«Bisogna umanizzare la politica. Esportare il modello Salerno alla Campania». Fotoservizio

Pubblicato in data: 26/5/2015 alle ore:13:00 • Categoria: Politica

Regionali, Iannace 1«Bisogna umanizzare la politica» è la sfida portata avanti dal dottor Carlo Iannace, candidato al consiglio regionale con la lista del candidato presidente Vincenzo De Luca. Un messaggio lanciato ieri pomeriggio nell’incontro svoltosi presso l’ex sala consiliare di piazza Sparavigna. Una sala in rosa ad ascoltare le parole del medico che ha spiegato la regioni della sua discesa in campo, assicurando, in premessa: «sono sempre lo stesso. Continuerò allo stesso modo, sarò il medico di sempre. Conosco De Luca da tempo, una persona disposta ad ascoltare tutti con un grinta e una capacità di coinvolgere. In una situazione stagnante come quella di ora, ti viene la voglia di dare un mano, di metterci la faccia rimboccandosi  le maniche».
Regionali, Iannace 2Tre priorità da seguire in caso di elezione, nei primi cento giorni, «la prima cosa sarà l’istituzione del registro tumori. La sua mancanza è grave visto che non si ha la prontezza della situazione. Ci vuole la sua istituzione perché manca la cognizione della diffusione sul territorio. Un’altra cosa è il volontariato, che viene fatto in maniera estemporanea, ma c’è bisogno di un’organizzazione continua sul territorio. Infine ridare quel ruolo centrale al medico di famiglia come connubio per colare le distanze tra Asl e ospedali che non sanno dialogano tra di loro». Impegno concreto anche per lo sviluppo del territorio «per una valle del Sabato inquinata dalla presenza di ecoballe. Il modello Salerno deve essere copiato su tutta la regione. Già le zone interne sono penalizzate, perciò vano protette visto che sono di una bellezza straordinaria, dall’enogastronomia per offrire un prodotto che sia appetibile». Infine l’appello al voto: «perché siamo una bella squadra, perché possiamo rappresentare bene il territorio, le esigenze di questo paese. Sulla sanità, come poche altre persone, abbiamo avuto la prontezza di una presenza continua sul territorio».
In sala tante donne. Con Iannace l’ex assessore del Comune di Avellino Luciano Ceccacci e Tony Ricciardi che fa da moderatore dell’incontro, invita al voto: «Carlo, non il dottor Iannace, come lo è per tutti voi. Bisogna serrare le fila in vista del voto e sulla scheda elettorale scrivete Iannace».
Regionali, Iannace 3In sala l’ex assessore Andrea Montuori ed il presidente della Pro loco Lello Labate. Ad introdurre l’incontro  è invece il dentista atripaldese Sabino Aquino: «E’ un persona che merita Carlo, che si prodiga. Un vero professionista. Sono qui da amico e non da politico. Per lui mi impegno a chiedere il voto perché Iannace è un’eccellenza nel campo sanitario».
Regionali, Iannace 4Prima del capolista anche l’intervento della candidata Annarita Colantuono di Paternopoli: «Salerno è la città dei primati e delle eccellenze. In questo momento quello che occorre per voltare pagina è dare un’occasione di riscatto alla Campania e di avere De Luca governatore che ha già dato prova per la sua Salerno. Il suo modello di efficienza è sotto gli occhi di tutti ed è ora che ne dia prova anche in Campania sfruttando i fondi europei. Una regione la nostra con un volto degradato, fanalino nodi coda per reddito e occupazione.  Il nostro programma è di intervenire sulla questione ambientale, sulla sanità e sul lavoro. In questi giorni continuerò con una campagna di ascolto sul territorio dove il malcontento è forte. Anche il disprezzo e la voglia di disertare il voto. Vorrei scongiurare questo, perciò invito tutti a votare».
Regionali, Iannace 5

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Regionali, la segreteria cittadina del Pd replica a Troisi: “non sa perdere, abbi l’umiltà del dialogo e del confronto, del coraggio di farsi carico della responsabilità dell’appartenenza”

Le recenti dichiarazioni mezzo stampa dell’amico Tony Troisi, sulla carta componente del Direttivo cittadino del Partito democratico, lasciano sconcertati. Troisi, Read more

Regionali, Troisi chiede un cambio di rotta nel Pd e nell’Amministrazione: «deve dare risposte alle richieste della comunità oppure meglio il voto»

«Auspichiamo una più attenta e serena riflessione sulla conduzione del Pd da parte dell’attuale dirigenza alla luce del deludente 19,62% Read more

Regionali, i ringraziamenti di “Progetto Atripalda” e lista “Davvero-Verdi”

Insieme a Gianluca Festa esprimiamo la nostra gioia per lo straordinario risultato politico ed elettorale ottenuto dalla lista DAVVERO-VERDI in Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *