alpadesa
  
Flash news:   Vandali di nuovo in azione nel centro storico, imbrattata Piazzetta degli Artisti ad Atripalda: lo sdegno sui social. Foto Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati Finisce in pareggio il derby campano tra Avellino e Juve Stabia La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati”

Da Parigi in Irpinia per diventare “assistant manager”: la storia di Alicia

Pubblicato in data: 27/5/2015 alle ore:10:50 • Categoria: Attualità

AliciaAlicia, 25 anni, capelli chiari e grandi occhi verdi, arriva in Irpinia carica di aspettative per scoprire da noi come lavorano gli imprenditori.

Deve farlo per la scuola che frequenta “Medicis Alternance”. Lì gli studenti fanno lezioni per due giorni a settimana, i restanti tre sono in azienda per mettere in pratica ciò che hanno imparato tra i banchi. Nel programma scolastico rientra anche un’esperienza all’estero. Alicia ha scelto l’irpinia e due aziende in apparenza molto molto distanti tra loro, ma accomunate dall’impegno per l’ambiente, il territorio, la cultura: la casa editrice il Papavero di Donatella De Bartolomeis e MielePiù di Miele Giuseppe e figli.

Il tuo lavoro mi affascina – sostiene Alicia, rivolgendosi all’editore –  un lavoro che ti porta a contatto con tanta gente diversa, eterogenea, particolare. E poi qui in Irpinia siete molto gentili e disponibili. Quando Marco Miele mi descriveva la sua attività gli brillavano gli occhi come si illuminano a chi è innamorato di quello che fa. Qui in Italia i manager lavorano molto di più rispetto ai manager francesi, penso che questo possa a lungo andare penalizzare la famiglia, ma l’amore verso la propria azienda, la passione, la disponibilità e l’accoglienza sono un’arte tutta italiana dalla quale imparare.”

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *