alpadesa
  
sabato 07 dicembre 2019
Flash news:   Danneggia il sensore dell’impianto di allarme di un negozio di elettronica, denunciato dai Carabinieri di Atripalda “Regalo un sorriso ad un bambino” per donare nuovi giocattoli ai più piccini di Atripalda meno fortunati La danza sabato e domenica nella Dogana dei Grani di Atripalda Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Approvato il Piano di Gestione Forestale per valorizzare il Parco San Gregorio di Atripalda La Confcommercio premia il fiorista atripaldese Raffaele Di Gisi Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda, Protocollo d’intesa per ospitare famiglie e persone indigenti Giuseppe Petrucciani premiato come socio storico dell’Ucsi Dipendente “infedele” ruba nel supermercato in cui lavora, denunciato dai Carabinieri di Atripalda

Festa della Repubblica, le celebrazioni in città con la Fanfara dei Bersaglieri

Pubblicato in data: 30/5/2015 alle ore:13:43 • Categoria: ComuneStampa Articolo

Monumento ai caduti con scritteUn popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla del proprio presente“. Traendo spunto da questa affermazione di Indro Montanelli, l’amministrazione comunale di Atripalda, allo scopo di coinvolgere l’intera comunità, ha inteso celebrare in maniera solenne la festa della Repubblica del 2 giugno. Il programma curato dall’assessore Fabiola Scioscia, prevede la partecipazione della Fanfara dei Bersaglieri di Cava dei Tirreni che, dalle ore 9, partendo da Contrada Alvanite sfilerà per le strade principali della città. Il corteo a cui prenderanno parte le autorità Civili, Militari, Religiose e le Associazioni dal palazzo Civico, raggiungerà piazza Umberto I, dove si terrà la tradizionale cerimonia dell’alzabandiera e della deposizione della corona al monumento dei caduti. L’intervento delle autorità, precederà la Benedizione e l’esecuzione di alcuni brani musicali da parte della Fanfara dei Bersaglieri.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “Festa della Repubblica, le celebrazioni in città con la Fanfara dei Bersaglieri”

  1. Meno male che arriva la fanfara dei bersaglieri di Cava Dei Tirreni, cosi in Atripalda dopo il forfait di anni fa’ della banda dei carabinieri, finalmente gli Atripaldesi potranno ascoltare della buona musica durante la cerimonia della festa della Repubblica Italiana del 2 giugno, grazie all’ interessamento del nostro comandante della polizia municipale di Atripalda il capitano Vincenzo Salsano, speriamo che un giorno il comandante della P.M. riesca a fare esibire nella piazza Umberto I° magari durante la festa patronale di San. Sabino, il gruppo dei Sbandieratori, i Trombonieri e i Cavalieri Della Pergamena Bianca di Cava Dei Tirreni, sarebbe molto bello per tutti noi ammirare questi gruppi folkoristici durante i prossimi festeggiamenti del nostro caro e amato San. Sabino.

  2. Alvanite delusa ha detto:

    Che delusione, ancora una volta il popoloso quartiere dell’ ex Contrada Alvanite di Atripalda e’ stato preso in giro, tutti i residenti stamattina alle ore 9.00 attendevano l’ arrivo della fanfara dei bersaglieri per celebrare con la loro musica la festa della Repubblica Italiana del 2 giugno, in particolare i bambini aspettavano con gioia, invece niente, le ore passavano e’ nessuno si e’ visto, poi si e’ saputo che la fanfara dei bersaglieri credeva che il quartiere era distante dal centro qualche centinaia di metri, quando hanno saputo che la distanza era circa due chilometri non hanno voluto recarsi piu’ li, perche’ chi ha organizzato la manifestazione, non ci ha pensato prima e ha predisposto un pullman per trasportare i musicisti bersaglieri a Contrada Alvanite, tanto le elezioni regionali sono passate, e un detto dice “Passato o’ santo passata a’ festa”, pazienza questa contrada bronx era un bronx e restera’ per sempre, emarginata dal centro, un grazie dai residenti, buona festa della Repubblica Italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *