alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, Idea Atripalda scrive al sindaco per chiedere un punto drive test per effettuare i tamponi naso-faringei Si chiude la controversia giudiziaria tra il Comune di Atripalda e la Ingino Spa dopo che il Tar di Salerno dà ragione all’azienda agroalimentare Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.273. In Campania nuovo record Coronavirus, aumentano i contagi in Irpinia: 91 i nuovi casi. Ad Atripalda 3 i positivi Coronavirus, Conte firma il nuovo Dpcm: da lunedì 26 ottobre bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti domenica e festivi Coronavirus, cresce la paura ad Atripalda per i nuovi casi: parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “contagio alunni non c’è motivo di allarme” L’ex consigliere di Atripalda Ulderico Pacia assolto dall’accusa di diffamazione: a denunciarlo l’ex comandante della Polizia municipale Vincenzo Salsano Spaccio di marijuana: salta il confronto in Tribunale tra due imputati atripaldesi e testimoni per difetto di notifica Incidente sulla Variante ad Atripalda tra due auto e un camion: due feriti trasportati al Moscati. Foto Coronavirus, i contagi in Irpinia crescono di 91: si registra un altro caso ad Atripalda

Rastelli: «meritavamo la finale»

Pubblicato in data: 3/6/2015 alle ore:21:01 • Categoria: Avellino Calcio

avellino-sambenedettese-coppa-italia-rastelli«Gli applausi finali sono una cartolina bellissima. E’ il riconoscimento più bello per un gruppo di ragazzi fantastici. Sono orgoglioso di loro perché non era difficile fare una partita simile. Sapevo che potevamo essere la mina vagante dei play off. Avevamo la mente libera. C’è il rammarico perché all’ultimo secondo avremmo meritato il gol di Castaldo». Questo il commento del tecnico Rastelli a fine gara. «C’è tanto lavoro dietro e i ragazzi sanno benissimo quali sono le caratteristiche dei compagni che ci possono creare vantaggi. Le spizzate per il compagno libero le proviamo sempre in allenamento. Peccato aver preso quel gol nel nostro momento migliore».Sul futuro: «In settimana incontrerò la società e vedremo qual è la soluzione migliore per tutti. Al momento mi fa piacere aver terminato così il campionato. A bocce ferme decideremo». La ricetta del successo per il tecnico è un mix di fattori: «Abbiamo una tifoseria fantastica, una società seria, un direttore sportivo certosino, un direttore generale che fa squadra. Io sono l’allenatore e provo a far funzionare i giocatori di cui dispongo».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *