alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, risale il contagio: 194 i positivi in Irpinia, 1 ad Atripalda. Ecco il bollettino dell’Asl Vallone Testa e Fosso Orto di Preti, sopralluogo e richieste di autorizzazione per i due progetti di riqualificazione e di risanamento idrogeologico ad Atripalda. Foto Addio a Diego Armando Maradona, il mondo piange l’ex Pibe de Oro Coronavirus, altri 3 contagiati ad Atripalda e 61 nuovi positivi in Irpinia Francesca Aquino in una lettera racconta le difficoltà per la pandemia dopo l’apertura di un negozio ad Atripalda: «non rinuncio al sogno di fare l’imprenditrice» Spaccia di droga: 40enne di Atripalda dai domiciliari al carcere Tributi non pagati, il Comune di Atripalda si affida per la riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali alla ditta esterna “Gamma Tributi Srl” Autovelox, il comune di Atripalda incassa nuove sconfitte dinanzi al Giudice di Pace di Avellino “25 novembre – giornata mondiale contro la violenza di genere”, l’appello dei Carabinieri: “trovare sempre il coraggio di denunciare” Coronavirus, 206 positivi riscontrati ad oggi ad Atripalda: comunicazione del sindaco

Buste paga gonfiate al Comune, il Giudice del Lavoro rigetta il ricorso d’urgenza sul reintegro dei dipendenti sospesi mentre l’Ufficio Procedimenti Disciplinari rinvia ogni decisione all’esito del procedimento penale

Pubblicato in data: 17/7/2015 alle ore:08:30 • Categoria: Cronaca

Blitz al Comune, polizia in uscita1Buste paga gonfiate al Comune, il Giudice del Lavoro rigetta il ricorso d’urgenza sul reintegro dei dipendenti sospesi dal lavoro e li condanna al pagamento delle spese processuali mentre a Palazzo di città l’Ufficio Competente per i Procedimenti Disciplinari conclude la fase istruttoria rinviando ogni decisione all’esito del procedimento penale.
Il Giudice Unico della Sezione Lavoro e Previdenza del Tribunale di Avellino, con ordinanza a firma della dottoressa Monica D’Agostino, in data 14 luglio, ha respinto il ricorso d’urgenza presentato da tre dei quattro dipendenti indagati (V.A., I.L. e I.W. le iniziali) contro il provvedimento sindacale di sospensione cautelare dal servizio con decurtazione del 50% dello stipendio. I ricorrenti sono stati inoltre condannati anche dal giudice al pagamento delle spese di lite, liquidate in 1.800 euro. I tre ricorrenti ora avranno quindici giorni di tempo per depositare un eventuale reclamo dinanzi al Tribunale in composizione collegiale.
A presentare richiesta di reintegro al lavoro era stato l’avvocato Alfonso Maria Chieffo, legale di tre dei quattro impiegati comunali indagati per truffa aggravata in concorso e continuata, essendo tutti e quattro sospesi dal servizio in via cautelare con decisione del primo cittadino. E la decisione di ieri del giudice monocratico conferma la validità del provvedimento assunto da Paolo Spagnuolo, rappresentato in udienza dall’avvocato Ettore Freda. Nelle motivazioni, tre cartelle in tutto, il giudice monocratico solleva l’inammissibilità del ricorso che «nel merito deve ritenersi infondato in assenza del periculum in mora».
Intanto l’Ufficio Competente per i Procedimenti Disciplinari, presieduto dall’ingegnere capo Silvestro Aquino, dal capo del personale Paolo De Giuseppe e dal responsabile V settore Enrico Reppucci, ha concluso la fase istruttoria. La commissione, dopo aver proceduto alle audizioni dei quattro indagati e alla valutazione delle memorie difensive presentate, ha deciso la sospensione del procedimento disciplinare in attesa della definizione del procedimento penale n.1178/2015 con l’indagine condotta dagli uomini della Squadra Mobile di Avellino, diretti dal dottor Marcello Castello e coordinati dalla Procura della Repubblica.
Questa la motivazione alla base della decisione: «a norma dell’art.55 ter D.Lgs. n.165/01, per le infrazioni di maggiore gravità, di cui all’articolo 55 bis, comma 1, secondo periodo, l’ufficio competente, nei casi di particolare complessità dell’accertamento del fatto addebitato al dipendente e quando all’esito dell’istruttoria non dispone di elementi sufficienti a motivare l’irrogazione della sanzione, può sospendere il procedimento disciplinare fino al termine di quello penale, salva la possibilità di adottare la sospensione o altri strumenti cautelari nei confronti del dipendente».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Buste paga gonfiate al Comune, il Giudice del Lavoro rigetta il ricorso d’urgenza sul reintegro dei dipendenti sospesi mentre l’Ufficio Procedimenti Disciplinari rinvia ogni decisione all’esito del procedimento penale”

  1. Il Mago di Oz ha detto:

    Così come avevo previsto e anticipato.

  2. Nappo Carmela ha detto:

    si è giusto che i 4 impiegati sono stati sospesi, chi sbaglia paga

  3. Cristian ha detto:

    Questo era un esito già scontato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *