alpadesa
  
domenica 25 ottobre 2020
Flash news:   Coronavirus, aumentano i contagi in Irpinia: 91 i nuovi casi. Ad Atripalda 3 i positivi Coronavirus, Conte firma il nuovo Dpcm: da lunedì 26 ottobre bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti domenica e festivi Coronavirus, cresce la paura ad Atripalda per i nuovi casi: parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “contagio alunni non c’è motivo di allarme” L’ex consigliere di Atripalda Ulderico Pacia assolto dall’accusa di diffamazione: a denunciarlo l’ex comandante della Polizia municipale Vincenzo Salsano Spaccio di marijuana: salta il confronto in Tribunale tra due imputati atripaldesi e testimoni per difetto di notifica Incidente sulla Variante ad Atripalda tra due auto e un camion: due feriti trasportati al Moscati. Foto Coronavirus, i contagi in Irpinia crescono di 91: si registra un altro caso ad Atripalda Coronavirus, il governatore De Luca: “indispensabile decidere subito il Lockdown” Le aule dell’ex liceo scientifico di via Appia da dicembre utilizzate per la didattica dell’Istituto Comprensivo di Atripalda L’Avellino corsara a Foggia vince 1-2

Licenziamenti alla Clinica Santa Rita, i sindacati abbandonano il tavolo in Regione e accusano: procedura violata

Pubblicato in data: 24/7/2015 alle ore:18:59 • Categoria: Attualità

clinica_santa rita“Ha dell’incredibile quanto è avvenuto nel corso della intera procedura per 6 licenziamenti alla Casa di Cura Santa Rita di Atripalda – si legge in una nota a firma di D’Acunto FP CGIL, Santacroce FP CISL, Petretta FPL UIL e Vassiliadis UGL – . L’intero percorso è stato caratterizzato, come noto agli organi di stampa, da una serie di atteggiamenti da parte dell’Azienda volti a mettere in piedi una finta trattativa per scongiurare i licenziamenti che al termine della stessa si è rivelata una farsa. Prima la disponibilità al riutilizzo delle lavoratrici in altre mansioni, poi, di fronte alla proposta del sindacato di demansionamento ed anche di part-time pur di salvare i posti di lavoro, sono arrivate le strampalate scelte dell’azienda: i tavoli separati, i verbali di non accordo sottoscritti solo con una parte del sindacato ed, infine, la ciliegina sulla torta avvenuta oggi. Nel bel mezzo della discussione all’Ormel della Regione Campania, è spuntata una comunicazione trasmessa dall’Azienda nella giornata di ieri con la quale, nei fatti, si predeterminava l’esito della trattativa ed addirittura si stabilivano a priori e prima del termine della procedura i criteri per i licenziamenti. A quel punto tutte le organizzazioni presenti al tavolo (FP CGIL, FP CISL, FPL UIL, UGL, FEDERSAL e CIMOP), che già stavano rappresentando la illegittimità dell’intera procedura non ritenendo concluso l’esame congiunto in sede aziendale, hanno abbandonato il tavolo. L’azienda ha svelato così il vero volto ed il reale interesse che aveva sulla trattativa: arrivare in ogni caso al licenziamento e mettere sul lastrico sei famiglie. Le Organizzazioni Sindacali nello stigmatizzare il comportamento dell’Azienda annunciano che hanno immediatamente impegnato i propri legali per verificare la possibilità di contestare l’intera procedura ed annunciano battaglia ove mai dovessero pervenire alle lavoratrici lettere di licenziamento”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *