alpadesa
  
Flash news:   “Regalo un sorriso ad un bambino” per donare nuovi giocattoli ai più piccini di Atripalda meno fortunati La danza sabato e domenica nella Dogana dei Grani di Atripalda Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Approvato il Piano di Gestione Forestale per valorizzare il Parco San Gregorio di Atripalda La Confcommercio premia il fiorista atripaldese Raffaele Di Gisi Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Ex convento di Santa Maria della Purità ad Atripalda, Protocollo d’intesa per ospitare famiglie e persone indigenti Giuseppe Petrucciani premiato come socio storico dell’Ucsi Dipendente “infedele” ruba nel supermercato in cui lavora, denunciato dai Carabinieri di Atripalda Buon compleanno al nostro fotoreporter Mario D’Argenio

Ritiro patenti, dopo le polemiche il Prefetto Sessa sospende la nuova direttiva

Pubblicato in data: 27/7/2015 alle ore:21:37 • Categoria: CronacaStampa Articolo

prefettura-av  circolo stampaIl Prefetto di Avellino, dr. Carlo Sessa, ravvisata la necessità di un approfondimento in sede istituzionale della problematica, ed al fine di assicurare un omogeneo comportamento inter-provinciale, ha ritenuto opportuno sospendere la direttiva inoltrata alle Forze di Polizia operanti in provincia, relativa al mancato ritiro delle patenti di guida in caso di rilevazione dell’ipotesi di reato di guida di veicoli sotto effetto di alcol, con tasso compreso fra lo 0,81 e l’1,5 grammi per litro.
La direttiva prefettizia aveva sollevato polemiche e critiche, anche dalle stesse forze dell’ordine tanto da spingere il prefetto a fare un passo indietro.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *