alpadesa
  
domenica 15 dicembre 2019
Flash news:   Fiamme alla formaggeria “Fior di bontà” di Atripalda: si segue la pista dolosa. Il giovane titolare Luca: «Non mi arrendo di certo e tra cinque o sei giorni riapriremo». Foto “Christmas Shopping” domani in via Roma ad Atripalda: artisti di strada, Villaggio di Babbo Natale e Street food Negozio in fiamme nella notte lungo via Fiume ad Atripalda: indagano i Carabinieri Prima vittoria in Appello per il Comune di Atripalda sulle multe da autovelox installato lungo la Variante Maltempo, chiuso di nuovo ponte delle Filande Natale 2019, domani seconda Notte Bianca in piazza Umberto e via Manfredi. Foto Us Avellino, pagati gli stipendi ai tesserati Doppio appuntamento di Natale della Misericordia di Atripalda Videosorveglianza ad Atripalda, l’associazione “La Verde Collina” incalza l’Amministrazione per installare telecamere nelle contrade rurali L’Avellino in visita al Santuario di Montevergine. Foto

Ennesima vittima dell’Isochimica: muore Salvatore Altiero

Pubblicato in data: 29/7/2015 alle ore:14:51 • Categoria: CronacaStampa Articolo

isochimicaLa morte di Salvatore Altiero, cinquantaduenne ex dipendente dell’Isochimica è l’ennesimo omicidio di Stato“. E’ quanto afferma il segretario provinciale del Prc-Fds Tony Della Pia. “All’inizio degli anni ottanta Elio Graziano, nella totale illegalità, reclutava carne viva da destinare alla mattanza tenendo conto di pochi requisiti tra i quali l’età che, doveva essere compresa tra i diciotto e i venti anni, in quel momento lo spregiudicato datore di “lavoro” in piena consapevolezza condannava a morte giovani ignari, sfruttando la loro necessità di lavoro, la loro disperazione di figli nati in una terra povera e da poco martoriata dal sisma, in quell’istante spegneva per sempre i loro sogni, la loro voglia di vivere e segnava drammaticamente il loro destino, agnelli sacrificati in nome del denaro! La vicenda legata all’ex opificio non è una semplice storia di ingiustizia sociale, ma l’emblema degli impari rapporti di forza tra capitale e lavoro, l’esempio eclatante delle corruzioni diffuse, Salvatore come tutti gli altri e vittima di un sistema perverso e amalgamato dalla sete di potere, dal profitto. Sono trascorsi trent’anni, nulla è mutato se non che gli attori principali, quindi i lavoratori, i loro familiari, i cittadini di Borgo Ferrovia e della Valle del Sabato cominciano a pagare un debito che non intendevano contrarre, il resto è una fotocopia un po’ sbiadita di pagine già lette. Chi oggi ricopre ruoli istituzionali sufficienti per riconsegnare giustizia, diritti e fiducia continua a beffeggiare la dignità di esseri oramai paragonabili ai dannati di Dante. Lo Stato tramite i vertici delle ferrovie ha architettato tutto ciò per cui è il mandante della mattanza, Lo Stato, attraverso il Governo, continuando a negare il sacrosanto diritto al pensionamento oltre che il dovuto risarcimento economico agli operai e a chi ne ha diritto, perseverando in un’indegna organizzazione dell’assistenza sanitaria preventiva, tergiversando tra pratiche burocratiche e discutibili investi mementi economici riguardo alla bonifica del territorio, perpetua nella sua azione criminogena, è ancora complice dei carnefici e nemico della povera gente. Oggi è un giorno di lutto tuttavia il dolore non cancella la nostra sete di giustizia, con questo spirito continueremo la nostra lotta per Salvatore e per quanti non ci sono più, ma soprattutto per i loro figli, perché possano lenire il loro dolore sapendo che verità e diritti sono possibili, se si sconfigge lo sconforto e la rassegnazione”, conclude Della Pia.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *