alpadesa
  
sabato 17 agosto 2019
Flash news:   Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi Nozze d’oro Nappa-Santella, auguri

Ennesima vittima dell’Isochimica: muore Salvatore Altiero

Pubblicato in data: 29/7/2015 alle ore:14:51 • Categoria: CronacaStampa Articolo

isochimicaLa morte di Salvatore Altiero, cinquantaduenne ex dipendente dell’Isochimica è l’ennesimo omicidio di Stato“. E’ quanto afferma il segretario provinciale del Prc-Fds Tony Della Pia. “All’inizio degli anni ottanta Elio Graziano, nella totale illegalità, reclutava carne viva da destinare alla mattanza tenendo conto di pochi requisiti tra i quali l’età che, doveva essere compresa tra i diciotto e i venti anni, in quel momento lo spregiudicato datore di “lavoro” in piena consapevolezza condannava a morte giovani ignari, sfruttando la loro necessità di lavoro, la loro disperazione di figli nati in una terra povera e da poco martoriata dal sisma, in quell’istante spegneva per sempre i loro sogni, la loro voglia di vivere e segnava drammaticamente il loro destino, agnelli sacrificati in nome del denaro! La vicenda legata all’ex opificio non è una semplice storia di ingiustizia sociale, ma l’emblema degli impari rapporti di forza tra capitale e lavoro, l’esempio eclatante delle corruzioni diffuse, Salvatore come tutti gli altri e vittima di un sistema perverso e amalgamato dalla sete di potere, dal profitto. Sono trascorsi trent’anni, nulla è mutato se non che gli attori principali, quindi i lavoratori, i loro familiari, i cittadini di Borgo Ferrovia e della Valle del Sabato cominciano a pagare un debito che non intendevano contrarre, il resto è una fotocopia un po’ sbiadita di pagine già lette. Chi oggi ricopre ruoli istituzionali sufficienti per riconsegnare giustizia, diritti e fiducia continua a beffeggiare la dignità di esseri oramai paragonabili ai dannati di Dante. Lo Stato tramite i vertici delle ferrovie ha architettato tutto ciò per cui è il mandante della mattanza, Lo Stato, attraverso il Governo, continuando a negare il sacrosanto diritto al pensionamento oltre che il dovuto risarcimento economico agli operai e a chi ne ha diritto, perseverando in un’indegna organizzazione dell’assistenza sanitaria preventiva, tergiversando tra pratiche burocratiche e discutibili investi mementi economici riguardo alla bonifica del territorio, perpetua nella sua azione criminogena, è ancora complice dei carnefici e nemico della povera gente. Oggi è un giorno di lutto tuttavia il dolore non cancella la nostra sete di giustizia, con questo spirito continueremo la nostra lotta per Salvatore e per quanti non ci sono più, ma soprattutto per i loro figli, perché possano lenire il loro dolore sapendo che verità e diritti sono possibili, se si sconfigge lo sconforto e la rassegnazione”, conclude Della Pia.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *