alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda Coronavirus, comunicato del Sindaco di Atripalda sui 31 contagiati in città: “la buona parte non presenta sintomi” Coronavirus, il contagio non si ferma: altri 4 casi ad Atripalda. In provincia sono 187 i positivi Farmer Market di Atripalda, ok alla gestione annuale Tamponi drive-in, l’Asl attiva 5 postazioni fisse in Irpinia Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 247 contagi in Irpinia

“Abellinum libera”, parte la mobilitazione della Pro Loco di Atripalda. Labate: «il sito torni fruibile al pubblico». Foto

Pubblicato in data: 15/8/2015 alle ore:17:12 • Categoria: Attualità, Cultura

Abellinum libera, striscioneAbellinum libera” parte la mobilitazione promossa dalla Pro Loco di Atripalda. Attraverso manifesti, uno striscione e la raccolta di firme per dar vita ad una petizione popolare l’ente di promozione e sviluppo del territorio della valle del Sabato punta a rendere di nuovo fruibile il sito archeologico di via Manfredi, chiuso al pubblico da anni a seguito di un contenzioso civile e anche penale tra Soprintendenza, Procura e Comune (costituitosi parte civile per i danni) da una parte ed eredi Dello Iacono dall’altra, che stenta a trovare la parola fine.
Attualmente il sito dal grande valore storico ed artistico è custodito da operai della Soprintendenza a cui la Procura di Avellino ha affidato la custodia. Ora a scendere in campo per la riapertura del parco, dopo che in ordine di tempo ci hanno provato la Provincia di Avellino e l’Amministrazione Laurenzano, anche con una marcia silenziosa di protesta, arriva la Pro Loco atripaldese, che da sempre opera sul territorio per valorizzarne le bellezze storico-artistiche attraverso visite guidate e appuntamenti culturali.
Abellinum libera, manifestoUn grande striscione apposto lungo la porta d’accesso di via Manfredi con la scritta “Abellinum libera” e tanti manifesti sui muri della città recanti l’inequivocabile messaggio a caratteri cubitali “Ridateci la nostra storia –  Abellinum libera” e l’invito ad aderire alla petizione popolare con raccolta di firme per sollecitare la riapertura del sito archeologico.
«Abellinum rappresenta l’unico sito rimasto chiuso in Irpinia  – denuncia Lello Labate, presidente della locale Pro Loco che illustra l’iniziativa intrapresa -.  Ci siamo mossi ora perché il sito è stato messo in sicurezza dalla Sovrintendenza dopo i danni causati anche dalla nevicata del 2012 che provocò il crollo della copertura sulla domus romana. Ora che il sito è nuovamente accessibile, ne chiediamo la riapertura con il dissequestro dell’area che tra l’altro è anche vigilata da custodi della Soprintendenza».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a ““Abellinum libera”, parte la mobilitazione della Pro Loco di Atripalda. Labate: «il sito torni fruibile al pubblico». Foto”

  1. ABELLINUM LIBERA ha detto:

    GRANDISSIMA PRO LOCO!!!!!!!!!

  2. Michele ha detto:

    Fatemi sapere come fare per firmare….
    Non è possibile che un sito sia chiuso e che un privato
    Possa avere tutti quei soldi….
    Comunque Complimenti per l’iniziativa…

  3. ; ha detto:

    NON SOLO AVELLINO BENSI TUTTA ITALIA DOBBIAMO LIBERARE DAGLI USURPATORI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *