- Atripalda News - https://www.atripaldanews.it -

“Abellinum”, interviene il delegato alla Cultura Lello Barbarisi: “Sembra paradossale ma senza il sequestro l’area sarebbe nelle mani dei Dello Iacono”. Video

barbarisiA tenere banco in città è la questione inerente la chiusura al pubblico del sito archeologico di Abellinum. La Proloco atripaldese ha iniziato un’opera di sensibilizzazione per indurre la popolazione a mobilitarsi e far restituire il sito alla comunità atripaldese. Oramai siamo al quarto esproprio imminente alla famiglia Dello Iacono che si è sempre rivalsa in sede giudiziaria. Ad intervenire sulla questione è Lello Barbarisi, il delegato alla Cultura del comune di Atripalda che chiarisce alcuni aspetti della questione: ” Sembra paradossale – commenta il consigliere delegato – ma il sequestro eseguito dalla Procura di Avellino è un bene per Atripalda visto che attualmente ad usufruire del sito sarebbe la famiglia Dello Iacono in quanto non è stata acquisita la proprietà da parte del Ministero. La situazione si dovrebbe risolvere con un nuovo esproprio nei confronti dei proprietari che potrebbe avvenire tra settembre e ottobre”.
Sull’iniziativa della Proloco il consigliere commenta: “è una decina di giorni che la Proloco ha iniziato questa lodevole opera di sensibilizzazione per restituire il sito alla collettività ma occorrono alcuni piccoli ma importanti passaggi perchè ciò avvenga. Ai più forse sfugge che il sequestro dell’area avvenne dopo che il TAR l’aveva restituita ai Dello Iacono e paradossalmente l’area sarebbe nella loro disponibilità. Io sto in continuo contatto con la Soprintendenza che dovrebbe notificare nei prossimi mesi il nuovo decreto di esproprio. C’è un pò di paura a sbagliare nuovamente e sono in attesa di essere ricevuti dall’Avvocatura dello Stato per confrontarsi. Mi sento di dire – conclude Barbarisi – pur ringraziando la Proloco per la sensibilizzazione, che l’amministrazione è molto presente sull’argomento e bisogna avere un po’ di pazienza perché è sicuramente nel nostro interesse veder chiusa questa vicenda una volta per tutte. Fare un’analisi logica sulle colpe mi sembra francamente perdere del tempo. Guardiamo avanti con fiducia e soprattutto ringraziamo la Procura della Repubblica di Avellino per il sequestro”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli: