alpadesa
  
Flash news:   Elezioni Regionali della Campania: Alaia, Petracca, Petitto e Ciampi verso il Consiglio Avvio anno scolastico, doppi turni da giovedì alla Primaria dell’Istituto comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda Fiume Sabato, ripartono i lavori in centro ma restano le esalazioni maleodoranti dal corso d’acqua Elezioni regionali: i Popolari di De Mita primo partito ad Atripalda sfiorando i mille voti, secondo Davvero e solo terzo il Pd Election Day, ecco l’esito del voto ad Atripalda per il Referendum Election Day, seggi chiusi. Ad Atripalda ha votato il 65,16% per il Referendum e il 58,17% per il rinnovo del consiglio regionale della Campania Riapertura delle scuole ad Atripalda, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo attacca: «siamo nel caos» Election Day 2020: alle ore 12 ad Atripalda al voto il 12% degli aventi diritto Election day, urne aperte dalle 7: voto per referendum e regionali. Matita, gel e mascherine per tutti ai seggi Festeggiamenti San Sabino, il vescovo di Avellino Arturo Aiello nell’omelia si rivolge ai giovani «abbiate rispetto della vostra vita e di quella degli altri». Foto

Bilancio di previsione giovedì pomeriggio in Consiglio comunale, il sindaco Spagnuolo: «da oggi lavoriamo ad una città che abbia un decoro architettonico migliore e che sia più vivibile»

Pubblicato in data: 25/8/2015 alle ore:15:35 • Categoria: Comune, Politica

consiglio-comunale-atripalda-1«La situazione è sicuramente migliore rispetto agli anni precedenti. È stato un bilancio difficile da redigere perché le nuove norme sono molto restrittive, con il bilancio redatto per cassa. Però siamo riusciti a raggiungere l’obiettivo del pareggio di bilancio, ma soprattutto siamo usciti fuori da quella fase in cui siamo stati più commissari liquidatori che amministratori con i loro sogni e la loro visione di una città nuova e diversa».
Ad illustrare lo strumento finanziario che approda in Consiglio comunale il prossimo 27 agosto, avendo ottenuto l’ok dalla Giunta è il sindaco Paolo Spagnuolo.
«Con questo bilancio iniziamo un fase in cui immaginiamo una città che abbia un decoro architettonico migliore, una città che sia più vivibile e non a caso nel bilancio sono appostate somme per perseguir questi obiettivi».
Con il via libera allo strumento contabile si potrà finalmente riaprire la strada Orto dei Preti che transita lungo l’antico Palazzo Caracciolo, chiusa da 3 anni a seguito dell’abbondanti nevicate di febbraio 2012 che portarono alla caduta di parte della copertura del cinquecentesco edificio acquisito a patrimonio pubblico «la cui chiusura sta creando da anni disagi incredibili ai residenti ma la cui riapertura ha reso necessario appostare somme notevoli per la messa in sicurezza della facciata di Palazzo Caracciolo. Elimineremo anche la fastidiosa impalcatura davanti Palazzo Civico, volta a mettere in sicurezza l’edificio. Rispetto alla qualità di vita dei nostri concittadini avremo la possibilità di asfaltare arterie importanti come via Roma, contrada Fellitto e un tratto di via Appia».
Previsti interventi straordinari su contrada Alvanite «dove procederemo a risolvere un problema irrisolto da anni dei canali di gronda degli edifici distrutti dalla nevicata del febbraio2012 – prosegue il primo cittadino –  elimineremo così le infiltrazioni negli alloggi degli assegnatari. In bilancio sono appostate le somme per il progetto “Alvanite Quartiere Laboratorio” oltre a conservare e a riqualificare ciò che c’è, andremo anche  a costruire qualcosa di nuovo che certamente contribuirà a rendere quel quartiere non più dormitorio isolato della città ma un quartiere vivo e vivace dove soprattutto bambini ed anziani potranno svolgere una serie attività. Nel bilancio sono previste anche le somme per la riapertura ad Alvanite del Centro Ricreativo Piscopo, così per ricordare degnamente la memoria di un sindaco e di un medico di base che tanto ha dato alle famiglie atripaldese. Anche la riapertura della Casa di Adele abbiamo proceduto ad affidarne la gestione ad una cooperativa. Infine altro intervento importante che la città sta attendendo da anni, soprattutto i commercianti, sarà il trasferimento del mercato che oltre  a richiedere una serie di questioni burocratiche amministrative, richiede anche un intervento economico e noi abbiamo appostato le somme necessarie per restituire alla città un’antica tradizione e per dare un indotto economico ai commercianti a posto fisso. Stanziate altre somme importanti anche per le politiche giovani, cultura e ludico ricreative perché riteniamo che in questo momento storico di grande difficoltà sia obbligo degli amministratori stare accanto ai cittadini assistendoli sotto il profilo sociale garantendo momenti di svago. Un bilancio che finalmente ci ha visti protagonisti con una certa programmazione, la qualcosa ci mancava da tempo».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *