alpadesa
  
Flash news:   Furti nei garages di via San Giacomo e altre zone di Atripalda: al via il processo Coronavirus, 38 i positivi oggi su 577 tamponi effettuati in Irpinia Video sorveglianza non ancora attiva ad Atripalda, l’affondo dell’ex assessore Ulderico Pacia Vandali ancora in azione, danneggiati due alloggi popolari ad Atripalda Coronavirus, 3 casi positivi ad Atripalda nel bollettino ASL: 91 i contagiati in Irpinia Messa in sicurezza del parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda: impegno di spesa per l’affidamento della prestazione del rilievo topografico Ciclismo: la litoranea salernitana fa da sfondo al primo raduno collegiale Estorsione ai danni di un bar di Atripalda, rinvio a giudizio per un 28enne del luogo Riapertura scuole in Campania, De Luca annuncia l’ordinanza: «Superiori aperte da lunedì 1 febbraio» Appropriazione indebita, arrestato dai Carabinieri un 40enne di Atripalda colpito da mandato europeo

Domenica nella piazzetta degli Artisti A’Potea promuove la condivisione

Pubblicato in data: 1/9/2015 alle ore:18:43 • Categoria: Attualità

PAGINA EVENTO“Dimmi cosa condividi e ti dirò chi sei”. Si potrebbe sintetizzare così l’enorme ‘gioco’ relazionale ed economico in cui quotidianamente ci immergiamo, sottostando ai dettami di invisibili algoritmi. Nel flusso informativo dei social, la condivisione è l’asse portante del sapere moderno. Dal web all’economia, nel contesto asfissiante della crisi, la sharing economy sta scardinando le regole del vivere comune, tanto che c’è chi come l’economista Jeremy Rifkin la considera la Terza Rivoluzione Industriale. Sebbene non sia tutto oro quel che luccica, c’è un’enorme opportunità in questo formidabile incubatore di storie che è l’economia della condivisione.

L’​ Associazione ‘A Potea vi aspetta ​domenica 6 settembre al centro storico di ​Atripalda presso la splendida ​ Piazzetta degli Artisti​, esempio recente e ben riuscito di bene comune e partecipazione attiva nel cuore della città del Sabato.
Levento ­ad ingresso ​gratuito ­partirà dalle ​17.00​: si potranno realizzare insieme nuovi oggetti coinvolgendo i bambini grazie al nostro ​ laboratorio di riciclo creativo​.
Alle ​ 18.00, si apre l’incontro sull’esperienza concreta delle pratiche di condivisione sociale e di consumo collaborativo. Ne discutiamo con ​ Miriam Corongiu della Rete nazionale di decrescita, ​Giacinto Chirichella del Movimento di decrescita felice di Salerno, e ​ Maurizio Fabrizio​ dell’Ordine dei dottori commercialisti di Avellino.

Alle ​ 21.00 andrà di scena la proiezione del documentario ​ Unlearning La vita comincia alla fine della tua zona comfort, di L. Basadonne, A. Pollio e G. Basadonne. Il viaggio di Lucio, Anna e Gaia attraverso villaggi, comunità e famiglie itineranti per conoscere chi ha avuto il coraggio di cambiare: sei mesi di viaggio al costo di poche centinaia di euro, barattando competenze, casa, oggetti e tempo, ovviamente senza avere una macchina a disposizione, percorrendo oltre cinquemila km. Un invito gentile alla disobbedienza, per provare sulla propria pelle che un’altra vita è possibile.

Nel corso del pomeriggio, la piazzetta ospiterà stand espositivi di prodotti realizzati grazie al riuso creativo, oltre all’angolo per il book sharing presso il quale ognuno può portare un libro da casa per scambiarlo con altri, oltre ad abiti ecc. facendo “swapping”, un fenomeno che si sta diffondendo sempre più velocemente in tutto il mondo. A essere scambiati non sono solo capi di abbigliamento, o scarpe, ma anche opere d’arte, gioielli, accessori, e articoli di antiquariato: non si compra con il denaro qualcosa di già usato, bensì si utilizza il baratto.
Invitiamo ognuno a portare portare un capo o qualsiasi altro bene scambiabile che non viene più utilizzato, per barattarli con quelli degli altri.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *