- Atripalda News - https://www.atripaldanews.it -

Morte di Marcello Cucciniello, i genitori in volo verso la Thailandia. Al rientro i funerali

cuccinielloI genitori di Marcello Cucciniello sono volati ieri in Thailandia per raggiungere la salma del figlio tragicamente morto sull’isola di Koh Samui in un incidente stradale a soli 23 anni. Il corpo del ragazzo sarà trasferito mercoledì a Bangkok e giovedì partirà in direzione Roma su un volo predisposto a tale tipo di servizio. Dalla capitale, poi l’agenzia funebre incaricata, si occuperà del trasporto ad Atripalda dove, in queste ore, si sta valutando la possibilità di realizzare una camera ardente in attesa del rito funebre che sarà celebrato giovedì o al massimo venerdì. Dato il fuso orario, cinque ore avanti, e le numerose ore di viaggio, infatti ancora non è possibile prevedere con precisione l’orario di arrivo del feretro in città. Per questo motivo si starebbe pensando alla realizzazione di una camera ardente per consentire ai tantissimi amici di porgere allo sfortunato giovane un ultimo saluto. In ogni caso, sarà la famiglia del ragazzo a dare ogni disposizioni in merito.
La Santa Messa sarà celebrata presso la Chiesa del Carmine di via Roma da Don Ranieri Picone a meno che, per motivi di capienza dato il folto numero di amici e parenti del giovane, la famiglia faccia richiesta di celebrarlo nella Chiesa Madre di Sant’Ippolisto il cui parroco, Don Enzo De Stefano, ha già assicurato piena disponibilità.
Per il padre Pasquale, caposquadra dei Vigili del Fuoco di Avellino, e la madre Assunta, nota commerciante atripaldese, sarà, dunque, un lungo e doloroso viaggio per un lutto ancora tutto da elaborare. Le ore di volo sembreranno interminabili dato che all’arrivo dovranno affrontare la più terribile delle situazioni per un genitore: trovarsi davanti la drammatica realtà di non poter più riabbracciare il proprio figlio.
A partire per primo verso l’isola in cui Marcello era in vacanza insieme all’amico Gianpaolo Capobianco, già rientrato in Italia dopo essere stato ascoltato dagli inquirenti, lo zio Giulio Urciuoli dato che il padre era impossibilitato per motivi burocratici mentre la madre si trovava all’estero in vacanza.
Intanto nei giorni scorsi, la polizia locale thailandese è riuscita a rintracciare e fermare l’uomo che, in base a quanto emerso, era alla guida del pick up che in una manovra di sorpasso in curva, ha preso in pieno la moto da cross su cui viaggiava Marcello scaraventandolo ad oltre quaranta metri di distanza. Per il ragazzo non c’è stato nulla da fare, le gravi ferite riportate non gli hanno lasciato scampo. L’uomo è ora accusato di omicidio colposo e omissione di soccorso. Dopo il tragico impatto avvenuto su una statale molto trafficata nei pressi delle cascate Namuang, infatti, il thailandese si è reso irreperibile non prestando i primi soccorsi. Inutili gli interventi dei sanitari locali e delle forze dell’ordine, per il 23enne il colpo si è rivelato fatale per cui più volte la polizia locale ha fatto appello ad eventuali testimoni oculari di farsi avanti per contribuire a chiarire l’esatta dinamica dell’incidente.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli: