alpadesa
  
Flash news:   Accorpamento temporaneo mercato del giovedì a parco Acacie, pubblicata la graduatoria degli operatori commerciali Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi

Addio ad Angelo Festa, il preside che amava il Neorealismo

Pubblicato in data: 8/10/2015 alle ore:10:51 • Categoria: CronacaStampa Articolo

angelo-festaAddio al dirigente scolastico avellinese Angelo Festa, uomo di cultura e profonda umanità. Preside dell’Istituto Tecnico Amministrazione, Finanza e Marketing e Istituto Tecnico Costruzioni, Ambiente e Territorio paritario “Jean Monnet” di Monteforte Irpino, grande studioso della letteratura e della lingua tedesca, Festa nutriva una forte passione per la scrittura e il cinema italiano. Aveva pubblicato ben due libri, il primo dal titolo “Il Neorealismo nel cinema italiano” e poi poco dopo l’opera seconda “Far West Italia”, un viaggio negli Spaghetti Western all’italiana nel nome di Sergio Leone.
Viveva per la scuola, il suo primo pensiero fino a quando le forze non hanno ceduto al brutto male che lo ha strappato per sempre, a 74 anni, ai suoi amati alunni, professori e collaboratori scolastici.
«Una persona di grande generosità  che non si faceva mai prevenire nel sostenere iniziative e progetti culturali o che fossero attinenti alla sua grande passione per il cinema – lo ricorda così don Gerardo Capaldo per l’associazione “Centro Studi Cinematografici” –. Da giovane aveva nutrito e coltivato una grande passione sportiva. Esperto educatore, si era specializzato nella lingua  tedesca, dedicando gli studi alla storia e alla cultura della Germania. Dopo aver vinto il concorse di preside, ha girato tutta l’Italia, da Roma fino in Sardegna. E’ stato un grande catalogatore e collezionista di film».
Lascia la moglie Maria Rosaria Di Rienzo con il fratello professor Antoniosilvio, il figlio Fabio, la sorella Letizia ed i fratelli Antonio ed Aniello. Questo pomeriggio le esequie, alle ore 15, muovendo dalla casa dell’estinto ad Avellino, in via Derna n.13, per proseguire verso il Duomo dove sarà celebrata la funzione religiosa

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Addio ad Angelo Festa, il preside che amava il Neorealismo”

  1. cittadino ha detto:

    UN SENTITO ADDIO AL COMPIANTO PRESIDE

  2. UN BUDDISTA ha detto:

    QUELLO SI ERA UN BUON UOMO..

  3. UN BUDDISTA ha detto:

    VI PORGO SENTITE CORDOGLIANZE SIGNORI CONGIUNTI OLTRE CHE AI COLLEGHI CHE HANNO AMATO IL DEFUNTO PRESIDE FESTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *