alpadesa
  
sabato 11 luglio 2020
Flash news:   Slitta l’assegnazione dell’edificio dell’ex Volto Santo di Atripalda Coronavirus, non si ferma la risalita dei contagi (+276) e 12 morti. In Irpinia nuovi positivi nell’alta valle del Sabato “IDEA Atripalda” chiede al Comune di Atripalda la concessione della cittadinanza onoraria a Patrick George Zaki Tre contrade ad Atripalda nel degrado tra proteste e polemiche sui social. Foto Movida e rischio assembramento ad Atripalda, il titolare del “BeviamociSu” annulla le serate estive. Sandro Lauri: «non mi va di passare come quello che mette a rischio la città ma altrove è peggio» Giallo in Comune, rubato il portafogli di un’impiegata Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi

Addio ad Angelo Festa, il preside che amava il Neorealismo

Pubblicato in data: 8/10/2015 alle ore:10:51 • Categoria: Cronaca

angelo-festaAddio al dirigente scolastico avellinese Angelo Festa, uomo di cultura e profonda umanità. Preside dell’Istituto Tecnico Amministrazione, Finanza e Marketing e Istituto Tecnico Costruzioni, Ambiente e Territorio paritario “Jean Monnet” di Monteforte Irpino, grande studioso della letteratura e della lingua tedesca, Festa nutriva una forte passione per la scrittura e il cinema italiano. Aveva pubblicato ben due libri, il primo dal titolo “Il Neorealismo nel cinema italiano” e poi poco dopo l’opera seconda “Far West Italia”, un viaggio negli Spaghetti Western all’italiana nel nome di Sergio Leone.
Viveva per la scuola, il suo primo pensiero fino a quando le forze non hanno ceduto al brutto male che lo ha strappato per sempre, a 74 anni, ai suoi amati alunni, professori e collaboratori scolastici.
«Una persona di grande generosità  che non si faceva mai prevenire nel sostenere iniziative e progetti culturali o che fossero attinenti alla sua grande passione per il cinema – lo ricorda così don Gerardo Capaldo per l’associazione “Centro Studi Cinematografici” –. Da giovane aveva nutrito e coltivato una grande passione sportiva. Esperto educatore, si era specializzato nella lingua  tedesca, dedicando gli studi alla storia e alla cultura della Germania. Dopo aver vinto il concorse di preside, ha girato tutta l’Italia, da Roma fino in Sardegna. E’ stato un grande catalogatore e collezionista di film».
Lascia la moglie Maria Rosaria Di Rienzo con il fratello professor Antoniosilvio, il figlio Fabio, la sorella Letizia ed i fratelli Antonio ed Aniello. Questo pomeriggio le esequie, alle ore 15, muovendo dalla casa dell’estinto ad Avellino, in via Derna n.13, per proseguire verso il Duomo dove sarà celebrata la funzione religiosa

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Dalla libertà vigilata alla casa lavoro: due anni al trentenne autore di centinaia di truffe online

I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno dato esecuzione ad un provvedimento emesso dal Tribunale di Avellino nei confronti di Read more

Censimento amianto, “Noi Atripalda” interroga l’ente su esito e provvedimenti da adottare

I consiglieri comunali del gruppo Noi Atripalda, Domenico Landi, Francesco Mazzariello, Maria Picariello, Fabiola Scioscia e Paolo Spagnuolo hanno presentato interrogazione Read more

Detiene illegalmente fucile e munizioni: nei guai 65enne atripaldese

  I Carabinieri della Compagnia di Avellino, nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del rispetto della normativa in materia di Read more

Festa dei Musei, sabato e domenica visite al Parco di Abellinum e ai giardini di Palazzo Caracciolo

Torna questo fine settimana, sabato 20 e domenica 21 maggio, la festa che celebra il patrimonio culturale italiano, con eventi e Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Addio ad Angelo Festa, il preside che amava il Neorealismo”

  1. cittadino ha detto:

    UN SENTITO ADDIO AL COMPIANTO PRESIDE

  2. UN BUDDISTA ha detto:

    QUELLO SI ERA UN BUON UOMO..

  3. UN BUDDISTA ha detto:

    VI PORGO SENTITE CORDOGLIANZE SIGNORI CONGIUNTI OLTRE CHE AI COLLEGHI CHE HANNO AMATO IL DEFUNTO PRESIDE FESTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *