alpadesa
  
Flash news:   Accorpamento temporaneo mercato del giovedì a parco Acacie, pubblicata la graduatoria degli operatori commerciali Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi

Trasferimento Curto, l’opposizione denuncia con un manifesto «Sotto a chi tocca»

Pubblicato in data: 8/10/2015 alle ore:06:00 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

Trasferimento Curto, manifesto opposizione«Sotto a chi tocca» denunciano ad alta voce otto consiglieri comunali  con un manifesto pubblico e si riaccendono le polemiche in città a seguito del trasferimento della segretaria comunale Clara Curto a Mercato San Severino.
L’opposizione, compatta questa volta, passa all’attacco con un lungo documento d’accusa contro l’Amministrazione Spagnuolo. A sottoscriverlo i componenti dei gruppi consiliari di Fi (Massimiano Del Mauro, Massimiliano Strumolo e Vincenzo Moschella), Udc (Dimitri Musto, Geppino Spagnuolo e Antonio Iannaccone), Piazza Grande (Nunzia Battista) e Psi (Ulderico Pacia).
«L’allontanamento “Volontario” – si legge nel messaggio comparso sulle cantonate della città a firma di ben otto consiglieri comunali – della Segretaria dottoressa Curto consente all’amministrazione Spagnuolo di proseguire, a ritmo serrato, nell’operazione di sostituzione del personale comunale con soggetti scelti senza ricorrere a procedure rispettose dei criteri di Pari Opportunità ed Efficienza Amministrativa. Dopo tre capisettore e la Segretaria, chi sarà il prossimo?» è l’allarmante interrogativo che si pongono gli otto membri del Parlamentino cittadino.
Il riferimento chiaro è alla riorganizzazione della pianta organica comunale posta in essere dal primo cittadino lo scorso novembre con la destituzione del comandante dei vigili, tenente Domenico Giannetta, la rimozione del vicesegretario Katia Bocchino da caposettore e lo spostamento dell’architetto Giuseppe Cocchi da caposettore all’Urbanistica a gestire l’Ufficio Anagrafe.
«Dopo onerose consulenze, assunzioni, incarichi dirigenziali tutti rigorosamente a chiamata diretta e con evidenti implicazioni personali e/o familiari – prosegue la nota di denuncia – quale sarà il criterio per l’individuazione del nuovo segretario/a?». Un j’accuse che si conclude «Per l’affidamento de parcheggi, della Villa comunale, della manutenzione del verde pubblico, si farà finalmente una regolare e ben pubblicizzata gara d’appalto o (come “sembrerebbe”) e già pronta una Cooperativa di amici?».
Una protesta che certamente avrà riflessi ed una coda polemica sul Consiglio comunale convocato per questo pomeriggio alle ore 18.30, con all’ordine del giorno l’approvazione del progetto definitivo per la realizzazione di un Centro di raccolta comunale in località Valleverde ed il rinnovo della Commissione locale per il Paesaggio.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 votes, average: 3,80 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Trasferimento Curto, l’opposizione denuncia con un manifesto «Sotto a chi tocca»”

  1. UN BUDDISTA ha detto:

    VEDIAMO CHI SARA’ IL PROSSIMO AD ESSERE TRASFERITO(POTREI ESSERE IO SENZA OMBRA DI DUBBIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *