alpadesa
  
domenica 20 ottobre 2019
Flash news:   Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi»

“Sotto a chi tocca”, il sindaco respinge le accuse: «Parlano i fatti, nessun taglio delle teste contra legem»

Pubblicato in data: 9/10/2015 alle ore:08:30 • Categoria: Politica, ComuneStampa Articolo

consiglio atripalda_sindaco Spagnuolo«Tutte le sostituzioni dei capisettore sono avvenute secondo legge, tanto è vero che fino ad oggi sono state registrate tre vittorie giudiziarie e extragiudiziali».
A parlare è il sindaco Paolo Spagnuolo che respinge la mittente le accuse mosse con un manifesto-denuncia da otto consiglieri comunali. «La prima riguarda l’incarico di comandante dei vigili affidato a Salsano, con l’Ispettorato del lavoro che ha archiviato il procedimento iniziato su esposto di un privato e conclusosi che non esistono rilievi penali né amministrativi per cui la procedura eseguita è legittima. Per Giannetta abbiamo ben due provvedimenti giudiziali, il primo emesso, in composizione monocratica, dalla sezione del Lavoro del Tribunale di Avellino, che ha rigettato l’istanza cautelare promossa dal dottor Giannetta che chiedeva il reintegro. A questa Giannetta ha proposto reclamo, a cui è seguito un ulteriore pronunciamento della Sezione Lavoro che ha rigettato la richiesta. Questi sono i fatti. Poi se non sanno leggere gli atti non è certo colpa mia. Anche la Bocchino ha proposto ricorso alla Sezione Lavoro e anche in questo caso il Tribunale si è espresso per rigettare l’istanza. Quindi finora si sono espressi vari magistrati e voglio capire dove c’è questo taglio delle teste contra legem. Per cui prendo  a prestito le parole di un mio amico decano della politica che ogni volta che legge un comunicato delle opposizioni mi dice: “questa è la tua fortuna”.  Altre cose sono fantapolitica che con il tempo saranno smentite dai fatti».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 2,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a ““Sotto a chi tocca”, il sindaco respinge le accuse: «Parlano i fatti, nessun taglio delle teste contra legem»”

  1. sabino ha detto:

    egr,sigr, dell’opposizione da cittadino mi pongo,e vi pongo un interrogativo,non prima di aver detto che al Sindaco e alla sua amministrazione si possono muovere una serie di rilievi,ma secondo voi in tutti questi anni avete assolto in pieno al vostro compito di c.c. di opposizione garanti della legalità,della vigilanza sugli atti, delle proposte concrete x migliorare il paese,avete dato fino in fondo il vostro contributo,io mi permetto di dirvi di no,e faccio una mia considerazione se la legge glielo consentirebbe i prossimi destinatari del “SOTTO A CHI TACCA”dovreste essere proprio voi..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *