alpadesa
  
Flash news:   Elezioni Regionali della Campania: Alaia, Petracca, Petitto e Ciampi verso il Consiglio Avvio anno scolastico, doppi turni da giovedì alla Primaria dell’Istituto comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda Fiume Sabato, ripartono i lavori in centro ma restano le esalazioni maleodoranti dal corso d’acqua Elezioni regionali: i Popolari di De Mita primo partito ad Atripalda sfiorando i mille voti, secondo Davvero e solo terzo il Pd Election Day, ecco l’esito del voto ad Atripalda per il Referendum Election Day, seggi chiusi. Ad Atripalda ha votato il 65,16% per il Referendum e il 58,17% per il rinnovo del consiglio regionale della Campania Riapertura delle scuole ad Atripalda, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo attacca: «siamo nel caos» Election Day 2020: alle ore 12 ad Atripalda al voto il 12% degli aventi diritto Election day, urne aperte dalle 7: voto per referendum e regionali. Matita, gel e mascherine per tutti ai seggi Festeggiamenti San Sabino, il vescovo di Avellino Arturo Aiello nell’omelia si rivolge ai giovani «abbiate rispetto della vostra vita e di quella degli altri». Foto

Il Consiglio comunale approva il progetto per il Centro di raccolta rifiuti in località Valleverde. La maggioranza nomina la Commissione per il Paesaggio tra l’abbandono dell’aula delle minoranze

Pubblicato in data: 10/10/2015 alle ore:07:54 • Categoria: Comune, Politica

Consiglio comunale2Via libera dal Consiglio comunale al primo Centro di raccolta rifiuti in località Valleverde e al rinnovo della Commissione locale per il Paesaggio non senza polemiche. La seduta del Parlamentino cittadino, svoltasi l’altra sera alla presenza della vicesegretaria Katia Bocchino, iniziata con una coda polemica relativa la trasferimento della segretaria Clara Curto con un botta e risposta tra sindaco e consiglieri di minoranza, ha visto l’approvazione del progetto definitivo per la realizzazione, nelle adiacenze dello stadio Valleverde, di un Centro raccolta rifiuti «una pietra miliare per la nostra comunità  – ha spiegato in aula l’assessore all’Ambiente Antonio Prezioso – che al suo completamento ci consentirà di rivoluzionare il sistema di raccolta dei rifiuti sul nostro territorio. Grazie alla capacità di accedere ai fondi POR-FESR 2007/2013, abbiamo ottenuto un contributo di 171.517,71 euro ai quali il nostro ente dovrà aggiungere solo 41 mila euro. Il centro sarà dotato di tutti i più attuali sistemi di sicurezza e di videosorveglianza, in esso non avverrà alcun tipo di lavorazione dei rifiuti, ma solo la semplice raccolta di carta, vetro, plastica, alluminio, tutti i tipi di rifiuti solidi urbani, inoltre sarà possibile conferire presso tale impianto, rifiuti ingombranti, Raee, olii esausti, batterie. Questi sono tutti sforzi tesi a migliorare l’ambiente nella nostra bella città e a ridurre i costi che annualmente il nostro Comune sostiene per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, con un unica finalità, quella di ridurre la tassa che grava sugli atripaldesi».
Consiglio comunale1Poi il via libera dell’aula con il voto favorevole della maggioranza più Area Popolare-Udc, l’astensione di Forza Italia ed il voto contrario di Piazza Grande e Psi. «Oggi approviamo una variante urbanistica non sostanziale – ha spiegato l’assessore all’Urbanistica, Luigi Tuccia -. Successivamente con il progetto esecutivo indicheremo la gestione. Lo approviamo solo oggi per un parere ottenuto dal Genio Civile con sei mesi di ritardo che ci sta facendo correre il rischio di perdere il finanziamento».
Ma le opposizioni, con Massimiliano Strumolo (Fi) e Nunzia Battista (Piazza Grande,) hanno sollevato diversi dubbi sulle attività che sia andranno a fare nel Centro «non sono chiare, quali rifiuti resteranno lì e per quanto tempo, non c’è una previsione sui quantitativi e non si sa chi lo gestirà né un piano gestionale con il rischio che diventi un immondezzaio».
Eletti dalla sola maggioranza infine i cinque componenti della Commissione locale per il Paesaggio: architetto Gerardo Malavena, ingegnere Giuseppe Carullo, architetto Massimo Baratta, agronomo Giovanni Borea ed infine ingegnere Vincenzo Russo. Un voto che ha registrato altre polemiche visto che tutti i gruppi di minoranza (Fi, Udc, Piazza Grande e Psi) hanno abbandonato l’aula dichiarando la propria indisponibilità a partecipare ai lavori.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Il Consiglio comunale approva il progetto per il Centro di raccolta rifiuti in località Valleverde. La maggioranza nomina la Commissione per il Paesaggio tra l’abbandono dell’aula delle minoranze”

  1. UN CITTI ha detto:

    QUI FINALMENTE SI TROVA UNA BUONA NUOVA E VALE A DIRE I RIFI-TI IN PROSSIMITA DEL FIUME -SACRO- ACCOSSI E’ CAPACE CA VIENE KUALKE PIENA E FINALMENTE SI RISOLVEREBBE IL PROBLEMA(SOLO CHE IN QUEL KASO SI DOVREBBE PULIRE LETTO(FIUME SI INTENDE???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *