alpadesa
  
domenica 20 ottobre 2019
Flash news:   Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi»

Maltempo, torna la paura in città tra ponte delle Filande e contrada Cerzete. Fotoservizio

Pubblicato in data: 16/10/2015 alle ore:09:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Maltempo ottobre 2015, ponte delle FilandeUn fiume di acqua, fango, rami e detriti sempre più gonfio ha fatto temere il peggio l’altra notte nella zona di via Pianodardine, all’altezza del ponte delle Filande, salito negli anni scorsi già alla ribalta della cronaca provinciale per i danni causati dalle esondazioni. Un fronte critico, ubicato al confine tra Atripalda ed Avellino, dove i residenti hanno vissuto ore di paura con il Fenestrelle che ha nuovamente esondato con tutta la violenza e la forza delle sue acque. Lo stato di allerta ha richiesto l’intervento congiunto dei Vigili di entrambi i comuni e dell’Utc che hanno monitorato la portata del fiume e transennato la strada, invasa da rami e detriti, chiudendola così al traffico.
Maltempo ottobre 2015, ponte delle Filande3Un allerta maltempo che ha fatto registrare smottamenti anche in via Serino e contrada San Gregorio. Una notte di intenso lavoro a causa delle forti piogge che si sono abbattute sull’Irpinia e che hanno interessato la cittadina del Sabato. Il sindaco Paolo Spagnuolo e il dirigente dell’Ufficio tecnico comunale sono stati costantemente informati sull’evolversi della situazione dal comandate dei Vigili Urbani Salsano e dai geometri De Cicco e Berardino che, con grosso senso di responsabilità e dedizione al lavoro,  dalle due di notte sono scesi in strada per far fronte alle varie emergenze che si sono registrate in città.
Maltempo ottobre 2015, frana a contrada CerzeteSituazione grave anche in contrada San Gregorio, all’altezza della pineta Sessa, dove il cedimento del terreno ha invaso la carreggiata. Prontamente è stata allertata la Provincia, che ha competenza sull’arteria, intervenuta con proprio personale e mezzi  del Settore Forestazione. Ci sono volute  numerose ore di lavoro con pale meccaniche per liberare la strada da fango, alberi e detriti.
Maltempo ottobre 2015, strada chiusa a via CesinaliProblemi si sono verificati poi in via Serino per lo smottamento del terreno di proprietà privata lungo i lati della strada. Ieri mattina è stata inoltre chiusa, perché completamente allegata, anche la vecchia strada che collega via Cesinali con Contrada Alvanite.
Danni della violenta tempesta d’acqua notturna anche in alcuni negozi del centro rimasti completamente allagati.
Maltempo ottobre 2015, ponte delle Filande2

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *