alpadesa
  
Flash news:   Accorpamento temporaneo mercato del giovedì a parco Acacie, pubblicata la graduatoria degli operatori commerciali Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi

Parte la campagna vaccinale contro l’influenza dell’Asl di Avellino

Pubblicato in data: 26/10/2015 alle ore:16:13 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

asl-atripaldaL’Azienda Sanitaria Locale di Avellino, diretta dal dott. Mario Nicola Vittorio Ferrante, con il coordinamento del Dipartimento di Prevenzione, in collaborazione con i Distretti Sanitari, il Servizio Farmaceutico, i Medici delle UOPC e delle UOMI e i Medici di Medicina Generale, ha predisposto, anche per l’anno in corso, la campagna vaccinale contro l’influenza. In accordo con gli obiettivi specifici indicati dalla pianificazione sanitaria nazionale, le Circolari Ministeriali e Regionali hanno individuato i gruppi di popolazione per cui l’offerta attiva e gratuita di vaccinazione è prioritaria da parte dei servizi territoriali di prevenzione, direttamente o attraverso i medici di famiglia: 1. Soggetti di età pari o superiore a 65 anni;
2. Bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e adulti fino a 65 anni affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza:
malattie croniche a carico dell’apparato respiratorio (inclusa l’asma grave, la displasia broncopolmonare, la fibrosi cistica e la broncopatia cronica ostruttiva-BPCO);
malattie dell’apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite;
diabete mellito e altre malattie metaboliche (inclusi gli obesi con BMI>30 e gravi patologie concomitanti);
insufficienza renale cronica
malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie;
tumori;
malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV;
malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali;
patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici;
patologie associate ad un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad es. malattie neuromuscolari) epatopatie croniche;
3. Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale;
4. Donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza;
5. Individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti;
6. Medici e personale sanitario di assistenza;
7. Familiari e contatti di soggetti ad alto rischio;
8. Soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori: a) forze di polizia, b)Vigili del fuoco;
9. Personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali (suini e volatili) che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani:
– allevatori
– addetti all’attività di allevamento
– addetti al trasporto di animali vivi
– macellatori e vaccinatori
– veterinari pubblici e libero-professionisti
E’ opportuno ricordare che per tutti i soggetti (bambini con età superiore ai 6 mesi e adulti “ sani” che quindi non rientrano nelle categorie a rischio), la vaccinazione non è controindicata e pertanto laddove il medico curante lo ritenga opportuno, il vaccino stagionale è disponibile con pagamento da parte dell’assistito, presso le farmacie.
Per ricevere ulteriori informazioni ed effettuare la somministrazione del vaccino, bisogna rivolgersi al proprio Medico di Medicina Generale o Pediatra di Famiglia, e in alternativa al personale sanitario del Centro Vaccinale del Distretto Sanitario Di Residenza.
I soggetti che afferiscono al Centro Vaccinale Distrettuale per essere vaccinati dovranno esibire oltre al documento di riconoscimento, una certificazione del proprio medico di medicina generale o del proprio pediatra, che oltre ai dati anagrafici attesti l’appartenenza ad una delle categorie a rischio individuate dal Ministero della Salute.
Per il Distretto di Avellino, la Campagna Vaccinale sarà effettuata presso la sede della UOPC al 2° Piano di Via degli Imbimbo 10/12.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *