alpadesa
  
Flash news:   Operazione “Partenio 2.0”, bufera sulla Lega: si autosospende il coordinatore di Avellino Sabino Morano Givova nuovo sponsor tecnico della Scandone Lutto des Loges, il cordoglio di AtripaldaNews per la perdita del papà della collega e presidente Francesca Operazione “Partenio 2.0”, ecco nel comunicato stampa dei Carabinieri i nomi dei 23 arrestati e le intercettazioni shock Scacco al clan “Partenio 2.0”: 23 arresti nell’operazione della D.D.A. della Procura della Repubblica di Napoli contro i clan camorristici Atripalda Volley, visita e benedizione al Santuario di Montevergine Scandone sconfitta dalla Palestrina per 87-50 Lupi ancora sconfitti, contro la Paganese finisce 3-1 Vincenzo Aquino eletto nuovo coordinatore delle Misericordie della provincia di Avellino Atti vandalici ai danni dell’ex scuola Primaria “Mazzetti” di via Manfredi

Lacrime e commozione nel giorno dell’addio a Sua Eccellenza Monsignor Giuseppe Nazzaro

Pubblicato in data: 28/10/2015 alle ore:07:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

giuseppe-nazzaro-vescovo-emerito-di-aleppo«Amava la Siria, con la sua intelligenza ha saputo trasmettere ai cristiani amore, speranza e coraggio, dando voce alle loro sofferenze nella Terra Santa. Aveva misura ed equilibrio, da te abbiamo imparato la semplicità». Lacrime, dolore e tanta commozione nel giorno dell’addio a Sua Eccellenza Monsignor Giuseppe Nazzaro, Vicario apostolico emerito di Aleppo. A parlare dall’altare della chiesa di Sant’Antonio Abate, gremita di fedeli, a conclusione della messa officiata dal vescovo di Avellino Francesco Marino, è il parroco di San Potito Antonio Paradiso che, visibilmente commosso, ha ricordato la statura del Vescovo Emerito, scomparso l’altra sera a 78anni proprio nel giorno del rinnovato appello di Papa Francesco per la pace in Siria. Tra gli innumerevoli e prestigiosi incarichi ricoperti da Monsignor Nazzaro quello di Segretario della Custodia di Terra Santa in Siria, Libano e Giordania, Guardiano del Santo Monte Sion e del Santo Sepolcro. E’ stato autore di numerose pubblicazioni tradotte in varie lingue. Sua Eccellenza era molto legato alla sua città adottiva, Aleppo, terra martoriata dalla guerra civile, dove ha voluto che fosse realizzata ed inaugurata una nuova cattedrale, dedicata al Bambino Gesù, progettata dall’architetto atripaldese Nunzia Piarulli. In tutto ciò non aveva mai spezzato quel filo che lo legava a San Potito. E ieri pomeriggio la comunità intera,  si è fermata per l’estremo saluto. Una chiesa, quella in piazza Baroni Amatucci, che non è riuscita a contenere tutto l’affetto.
Funerali vescovo Aleppo1In tanti si sono voluti stringere al dolore dei fratelli Luigi, Vittorio, Gerardo, Domenico e Pino, le cognate e gli amati nipoti ad ascoltare le parole toccanti del parroco: «Quanti chilometri hai percorso nel mondo – ha proseguito don Antonio – riuscendo a tessere, da cristiano di nascita ma cosmopolita di formazione,  dialoghi inimmaginabili tra il mondo cristiano e quello arabo, rispettando ed ascoltando tutti indistintamente dal colore della pelle, dal credo religioso o dal ceto sociale». Commozione e forte dolore si respiravano ovunque. Fuori in centinaia hanno  atteso la fine della messa. Commosso dall’altare anche il sindaco dimissionario Francesco Iandoli: «Era l’uomo del dialogo. Quando sono stato investito dell’onore ed ufficio di primo cittadino lo volli incontrare. Mi disse lui, vescovo di Aleppo,  cerca di tenere aperto il canale del dialogo, cerca di mantenere sempre unito il paese. Caro padre Geppino, forse ti ho deluso, nonostante i miei sforzi. Tuttavia per quello che mi resta nell’impegno amministrativo raccolgo ancora una volta il tuo invito e il tuo sereno monito a tenere unita questa comunità». La salma sarà tumulata proprio nella chiesa di Sant’Antonio Abate, nella cappella dell’Immacolata. La messa del settimo venerdì alle ore 18.30.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *