alpadesa
  
Flash news:   La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato Maltempo, rimosse dai Vigili del Fuoco lamiere pericolanti dal tetto del campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie. Foto Natale 2019, aggiudicata la gara per le luminarie installate dal Comune ma i commercianti restano divisi. L’assessore Musto:«Uno sforzo non da poco per l’Amministrazione» Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire

Lotta all’evasione tributaria al Comune, inviate ingiunzioni di pagamento per circa 800 mila euro

Pubblicato in data: 3/11/2015 alle ore:14:30 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo

municipio-atripalda-bandiereLotta all’evasione tributaria al Comune, inviate nei giorni scorsi ingiunzioni di pagamento per circa 800 mila euro. L’Amministrazione accelera nella caccia ai morosi totali e parziali nella cittadina del Sabato. Il settore Entrate-Affari Generali-Contenzioso-Demografici, diretto dal responsabile dottor Enrico Reppucci,  sta da mesi effettuando controlli alla ricerca di quelli che sfuggono in parte o totalmente all’imposizione fiscale locale. Al secondo piano di Palazzo di città la task-force per  l’accertamento dell’evasione sui tributi locali, di riscossione coattiva delle entrate tributarie e patrimoniali e di individuazione dell’evasione erariale ha prodotto i suoi frutti.
Ai raggi X ci sono le imposte su Tarsu, Ici, Tosap ed altri tributi comunali relativi agli anni 2010 e 2011. Da qui l’invio di ingiunzioni di pagamento che per la sola tassa sui rifiuti solidi urbani ammonta a circa 650 mila euro.
Una complessa ed enorme attività voluta dall’Amministrazione con l’obiettivo di evitare che vi siano contribuenti atripaldesi che sfuggano in parte o totalmente all’imposizione fiscale. Una necessità di incassare alla luce anche dell’entrata in vigore dal 1 gennaio scorso del Bilancio di cassa.
Con raccomandante A/R sono state così notificate ingiunzioni di pagamento per la Tarsu per un importo complessivo di 650mila euro ed ingiunzioni per l’Imposta comunale sugli immobili e la Tosap per un importo di altri 150mila euro. Tutti riferiti agli anni 2010-2011.
«Ci sobbarchiamo dell’ennesimo problema legato a ritardi amministrativi di amministrazioni comunali precedenti – illustra l’assessore alle Finanze e Patrimonio del Comune, Mimmo Landi -. Si tratta di un ulteriore provvedimento impopolare per noi frutto, come detto, dei ritardi accumulati in passato. Prima di inviare queste ingiunzioni ci siamo premurati di istituire, con l’approvazione in Consiglio comunale e Giunta, la possibilità di far rateizzare tali importi».
Quindi i contribuenti atripaldesi che hanno ricevuto o riceveranno le ingiunzioni di pagamento potranno rateizzare le somme, frazionandole in più importi meno gravosi.
Si tratta di contribuenti che debbono pagare la differenza o che non hanno pagato rispetto a quanto dovevano. Le ingiunzioni di pagamento riguardano la riscossione coattiva che segue gli avvisi di accertamento. «La nostra non è una caccia agli evasori ma una normale attività di recupero della riscossione che diventa ancora più importante alla luce dell’entrata in vigore dal primo gennaio scorso del Bilancio redatto per cassa – conclude Landi -. Per cui se il Comune non incassa non può spendere o pagare».
Una verifica effettuata ad ampio raggio su tutto il territorio comunale incrociando i dati in possesso all’anagrafe comunale con quelli dell’Agenzia delle entrate, Camera di commercio e Catasto.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *