- Atripalda News - https://www.atripaldanews.it -

Sosta a pagamento in centro, oltre 170 verbali elevati nel primo mese di lavoro dei vigilini. L’80% dei multati è atripaldese

Tornano i vigilini1Fioccano le multe per la sosta a pagamento nel primo mese di lavoro dei vigilini
in centro città. L’Amministrazione traccia un primo bilancio che se fa sorridere le casse comunali che gongolano per l’aumento negli introiti dall’altro evidenzia come tra gli automobilisti si fosse ormai radicata da tempo la convenzione che si potesse omettere il pagamento del ticket dei parcometri, tanto alla fine nessuno avrebbe controllato.
Ma con l’arrivo dei quattro ausiliari del traffico a cui il Comune, con una convenzione sottoscritta con la cooperativa sociale atripaldese “Oltre L’Orizzonte”, ha affidato il contro della sosta dai primi giorni di novembre, la musica sembra cambiata.
E subito dopo la prima settimana c’è stata tolleranza zero e mano dura nei controlli. In 30 giorni di lavoro sono state infatti elevate oltre 170 contravvenzioni per mancata esposizione del grattino od omesso pagamento dello stesso. Questa la doppia stangata che ha colpito gli automobilisti atripaldesi: senza grattino si applica l’articolo 11 con una sanzione pari a 41 euro (se pagata entro 5 giorni scende a 28,70); con grattino scaduto invece si applica l’Articolo 10 con sanzione pari a 28,70 (se pagata entro i 5 giorni scende a 17,50).
Vita dura quindi per i furbetti della sosta all’interno delle strisce blu che continueranno a non esporre all’interno della propria autovettura il ticket di pagamento emesso dai parcometri.
«Un dato sicuramente positivo per le entrate comunali da un lato – commenta l’assessore delegato al Bilancio e Patrimonio, Domenico Landi – ma negativo dal punto di vista civico e del rispetto delle regole. Vorrei sottolineare un dato molto significato: gran parte dei verbali, intorno all’80%, sono state elevati a residenti di Atripalda. Quindi se da un alto ciò significa aver fatto bene nell’esternalizzare il servizio di controllo  che ha fatto aumentare gli incassi da parcometri e l’elevazione dei verbali a seguito dell’intensificarsi dei controlli, dando anche opportunità di lavoro come ausiliare del traffico a qualche giovane disoccupato atripaldese, dall’altro  ci aspettiamo ora dalla cittadinanza un maggiore rispetto delle regole».
Sono  quattro finora i vigilini in strada (Antonio Capaldo, Stefano Cucolo, Vittorio Picariello e Massimo Lo Russo) a cui è stato affidato il compito svolto prima dal Comando di Polizia Municipale. Ciascuno di loro percepisce un compenso loro pari a 680 euro . a cooperativa garantisce la vigilanza per tutto l’arco della giornata di attivazione del servizio.
A chi accusa che non ci sia tolleranza da parte degli ausiliari al traffico, i vigili spiegano: «La stiamo garantendo sin dall’inizio verso gli automobilisti distratti – spiega il vigilino Antonio Capaldo –  sollecitando e controllando le strisce blu con il fischietto. Solo dopo dieci minuti eleviamo la multa».
Sedici le colonnine installate in città che servono circa 400 aree di sosta lungo le strade principali del centro: 50 centesimi il costo della sosta per ora o frazione.  Un primo step visto che il piano complessivo di sosta a pagamento prevede con l’’inizio del nuovo anno l’ampliamento con il coinvolgendo anche di via Melfi e piazza Giovanni XXIII. Poi toccherà alla traversa antistante al liceo  scientifico De Caprariis  in via Appia.
«Già da gennaio ci saranno strisce blu lungo via Melfi e in piazza Giovanni XXIII alle spalle di via Circumvallazione – conclude l’assessore Landi -. In queste due strade è più facile partire da subito per la presenza nelle vicinanze di parcometri che già servono via Aversa e e piazza Umberto. Poi il piano della sosta a pagamento sarà esteso anche su via Appia, nello slargo antistante il liceo scientifico. Per questa zona saranno necessari nuovi parcometri, da uno a tre, che procederemo all’acquisto o al noleggio».

 

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli: