alpadesa
  
Flash news:   Rogo all’Ics di Pianodardine, l’Arpac: “livelli di diossina sotto la soglia di pericolo già sabato” Stasera la facciata del plesso “De Amicis” di via Roma verrà illuminata di rosa L’ex assessore Mimmo Landi all’attacco: “solo autocelebrazioni dall’Amministrazione mentre il fallimento è sotto gli occhi di tutti” Idea Atripalda chiede al Comune di aderire a WiFi4EU per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi Green Volley, la Piscina Comunale di Mercogliano ospita la preparazione delle atlete atripaldesi Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto

L’associazione “Progetto Italia” in campo, il presidente Venezia: “Rifuti! Ma quanto ci costate e ci costerete?”

Pubblicato in data: 11/12/2015 alle ore:22:22 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

logo associazione Progetto ItaliaLa scorsa settimana si è svolta l’ennesima Assemblea dei Sindaci dei Comuni compresi nell’ATO rifiuti della Provincia di Avellino e purtroppo,per l’ennesima volta, si è conclusa con un niente di fatto. L’assenza o l’allontanamento di molti Sindaci dall’Assemblea ha fatto venir meno il numero legale, per cui la strutturazione degli STO, i Sistemi Territoriali Omogenei dell’ATO, non è avvenuta. Tutto ciò potrebbe portare al commissariamento da parte della Regione Campania, esautorando, di fatto, l’ATO (quindi i Comuni, cioè i cittadini) delle sue prerogative, cioè di essere l’unico ad organizzare il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. L’obiettivo dichiarato al suo insediamento fu l’impegno a realizzare le strutture che mancavano sul nostro territorio provinciale, per far si che il ciclo si completasse totalmente nella nostra provincia, senza dover ricorrere a costosi trasferimenti fuori regione. Paradossalmente, invece, per alcune tipologie di rifiuti (l’umido per es.) l’attuale gestore è costretto a rivolgersi alla città di Padova o addirittura in Sicilia, con  notevole aggravio di spese a carico dei cittadini. Una razionalizzazione, quindi, si rende necessaria per avere un servizio sempre più efficiente e rispettoso dell’Ambiente, tracciando in maniera precisa il percorso che porta al recupero o allo smaltimento in discarica, nel rispetto della legge. Un altro paradosso è che diversi Comuni ( Ariano, Atripalda e tanti altri) pur avendo fatto un grande salto di qualità nel servizio di raccolta, passando dai cassonetti stradali al porta a porta spinto, con una differenziata passata in un anno ( ad Atripalda, per es.) dal 35% al 72%, hanno dovuto presentare ai cittadini una TARI  più salata. Come mai? Una delibera del commissario della Provincia di Avellino, datata 10 giugno 2013, stabiliva l’aumento del costo di smaltimento della frazione indifferenziata, passando da 109 a 193 euro per tonnellata, quasi il doppio! Chissa poi perché,ogni qualvolta che il cittadino può risparmiare un po’ di soldi, viene fuori qualche delibera che vanifica gli sforzi che lo stesso ha fatto per portare avanti la differenziata nel proprio paese! Il cittadino a questo punto ha un’alternativa per ridurre i costi, dando un ulteriore esempio di correttezza e di buona gestione del proprio territorio: ridurre ancora di più il quantitativo dell’indifferenziata. Ricordiamoci che sono pochissime le cose che non si possono riciclare!

Associazione PROGETTO ITALIA – CRISTAL

Il Presidente

Errico Venezia

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *