alpadesa
  
domenica 19 gennaio 2020
Flash news:   I residenti di Alvanite si incontrano per discutere sullo stato di fatto delle abitazioni e sul degrado della contrada di Atripalda Non si potrà più sostare di giorno e di notte in piazza Tempio Maggiore  ad Atripalda: firmata l’ordinanza del Comando di Polizia municipale Bertolo è un nuovo giocatore dell’Us Avellino “Guardando dentro e fuori di noi” il calendario testamento di Peppino Pennella La Co.Vi.So.C. sblocca il mercato dell’Avellino Calcio Truffa all’Inps, false assunzioni ed evasione: cinque arresti a Benevento. Indagati anche ad Atripalda Omicidio De Cristoforo, Luigi Viesto condannato a dieci anni di reclusione Inquinamento ad Atripalda, l’attivista del M5s Federico Giliberti chiede centraline fisse per monitorare la qualità dell’aria Dolore e lacrime nel giorno dell’addio al docente, scrittore e poeta Goffredo Napoletano Da domani attivi tre nuovi autovelox sul raccordo Avellino-Salerno: uno in territorio Atripalda

Martedì si presenta il libro “Atripalda nel 1755″

Pubblicato in data: 13/12/2015 alle ore:17:02 • Categoria: CulturaStampa Articolo

libro Atripalda nel 1775Nell’ambito del cartellone degli eventi natalizi “ Atripalda Christmas time” organizzato dall’Amministrazione comunale con la fattiva collaborazione delle associazioni locali, martedi 15 dicembre alle 18,30 presso la chiesa di San Nicola da Tolentino vi sarà la presentazione del libro “Atripalda nel 1755. Il borgo antico e la porta di Juso, con i nomi di tutti gli abitanti e i luoghi antichi” scritto da Arturo Bascetta, Marco Fiore e Genny Loffredo. Il libro parla del catasto onciario introdotto da Carlo III di Borbone nel regno di Napoli nel 1740 con l’obiettivo di riformare il sistema di tassazione della proprietà e dell’industria.  Con una nutrita elencazione in ordine alfabetico  del nome del capofamiglia, viene riportata una sintesi fedele di ogni singolo nucleo di Atripalda e dove è stato possibile,  la trascrizione dei beni di maggiore entità e dell’effettiva tassa da pagare. Prima dell’albero genealogico degli Atripaldesi nel 1755, è stata rispolverata la  storia nuda e cruda sulle istituzioni religiose ed in particolare gli autori hanno scritto sulla chiesa di S.Nicola e di S.Ippolisto. Alla presentazione hanno assicurato la loro partecipazione il coautore Arturo Bascetta e il professore Fausto Baldassare. A fare gli onori di casa il sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo.        

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *