alpadesa
  
Flash news:   Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro

Tesser: «prova magistrale dei miei ragazzi»

Pubblicato in data: 14/12/2015 alle ore:07:50 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

Tesser«Abbiamo vinto con merito dopo un buonissimo primo tempo in cui abbiamo creato tanto senza riuscire a segnare. Nel calcio può succedere di tutto e ci siamo trovati sotto di due gol nonostante la superiorità numerica. Purtroppo i soliti errori. Da lì era difficile ma la squadra ha reagito, ci ha creduto. Ha messo in campo una voglia incredibile. La vittoria ci sta tutta e non era facile nonostante il Lanciano fosse in inferiorità numerica». Entusiasmo alle stelle in sala stampa per il mister biancoverde Tesser. «Jidayi e Chiosa sono stati perfetti, peccato per gli errori di Nica e Nitriansky. Sono ingenuità che purtroppo finiscono per penalizzarci. Devono imparare ad essere sempre concentrati». Sulla prova di Tavano: «Sta bene, non l’ho schierato dall’inzio perché non volevo rischiarlo ma sapevo che scalpitava. Si è fatto trovare pronto. Noi abbiamo bisogno di Tavano, di Trotta e di tutti. Lo spirito di squadra ci ha permesso di vincere la partita. E’ importante aver ritrovato lui così come Castaldo, il suo pianto al gol è stato significativo».
Infine l’allenatore spiega la remuntada:«La Curva non ci ha mai fischiato e penso che oggi la squadra non avrebbe meritato fischi perché stava giocando un buon calcio. Vedo il loro lavoro e il loro spirito di abnegazione».

 

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *