Flash news:   Emporio Solidale di Atripalda, ieri il taglio del nastro. Don Fabio: “nuova dignità alle famiglie”. Il sindaco: “Doveroso dare risposte alle domande di auto”. FOTO Conferenza Episcopale Italiana: “restano vigenti le disposizioni anti Covid: sospese processioni e festa esterna” Open Day Pfizer, ieri somministrati 6.113 vaccini e domani si replica Coronavirus, solo 4 gli attuali positivi ad Atripalda Sperimentazione nuovi anticorpi monoclonali: l’Azienda ospedaliera “Moscati” pronta ad arruolare i volontari Emporio Solidale di Atripalda, oggi l’inaugurazione del presidio di aiuto alle famiglie e persone bisognose Oggi Patrick Zaki compie 30 anni, Idea Atripalda: “attenzione sempre alta” Luca Ciaramella nuovo coordinatore del Forum dei Giovani di Atripalda. Foto Air Trasporti, presentato ad Atripalda ai sindacati il nuovo piano industriale: 240 assunzioni entro settembre Forum dei Giovani di Atripalda, oggi pomeriggio l’assemblea eleggerà il nuovo coordinatore e il Consiglio direttivo

Liceo “De Caprariis” a lezione di legalità con Libera Atripalda e “Cambia-menti”. FOTO

Pubblicato in data: 19/12/2015 alle ore:15:00 • Categoria: Attualità

pacco2Anche per l’associazione Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie e per l’associazione Cambia-Menti quest’anno sta per volgere al termine. Nelle tante iniziative, tanti progetti, tanti incontri con il territorio, abbiamo provato ad essere sempre i primi promotori del cambiamento e i primi costruttori di ponti, abbiamo creduto che una rete tra le differenti realtà del territorio fosse possibile.

pacco4In attesa del nuovo anno, ancora più carico di impegno e responsabilità, di nuovi obiettivi e nuovi orizzonti da raggiungere, ci prepariamo a quella che sarà la presentazione di “Facciamo un Pacco alla Camorra” : un progetto che vede coinvolte diverse realtà territoriali, tra cui cooperative sociali, imprese che hanno denunciato il racket, nato con l’intento di promuovere una filiera produttiva etica per dimostrare che se si vuole un’alternativa al sistema può esistere, partendo proprio da quelle attività sociali che oggi nascono e si alimentano  su quei luoghi che una volta erano il simbolo di violenza e di sopraffazione.
Questo progetto vuole essere una sfida di qualità, e noi ci sentiamo in dovere di sostenere questa iniziativa, di portarla nei nostri territori, perché questa è la testimonianza che dare un calcio all’impossibile in realtà è possibile.

pacco1Cosi il 18 dicembre alle ore 11:00 l’associazione Libera e l’associazione Cambia-Menti  con la presenza di Simmaco Perillo, uno degli ideatori di questa iniziativa, e di Pasqualino Capoluongo, presidente della cooperativa Oasi Project che gestisce il Maglificio CentoQuindici Passi, nato su un bene confiscato alla camorra nel territorio di Quindici, faranno conoscere questa bella storia ai ragazzi del Liceo Scentifico V. De Caprariis di Atripalda (Av). Una scuola, un luogo non scelto a caso: la casa della cultura, del buon comportamento, della cooperazione e della condivisione, del crescere insieme, il luogo più temuto dalle mafie, che preferiscono l’ignoranza all’istruzione.
pacco3Per tutti coloro che non potranno essere presenti il giorno 18 dicembre alla presentazione, verrà allestito dalle suddette associazioni un info point presso la Lavanderia Nella in piazza Umberto Primo Atripalda (Av) dalle ore 16:30 alle ore 19:00 nei giorni 21, 22 e 23 dicembre.
Per quanto riguarda la vendita dei pacchi ci si può recare alla bottega Equomondo ad Avellino in via Episcopio.
Noi crediamo che tutto questo sia possibile, che uno sviluppo di un’economia sociale come antidoto a quella criminale #sipuòfare.

Libera,associazione, nomi e numeri
contro le mafie

Ass. Cambia-Menti

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *