alpadesa
  
domenica 17 novembre 2019
Flash news:   Maltempo, rimosse dai Vigili del Fuoco lamiere pericolanti dal tetto del campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie. Foto Natale 2019, aggiudicata la gara per le luminarie installate dal Comune ma i commercianti restano divisi. L’assessore Musto:«Uno sforzo non da poco per l’Amministrazione» Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi

I lupi sfiorano l’impresa al PalaRadi

Pubblicato in data: 21/12/2015 alle ore:12:12 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Cremona-AvellinoNon riesce alla Scandone di portare a casa la terza vittoria consecutiva, la Sidigas è stata avanti fino a 5 minuti dalla fine, poi Vitali ha spostato l’equilibrio a favore di Cremona. Buone le prove di Leunen e Buva. Ora la corsa alle Final Eight si fa più dura.
Avellino parte in attacco con percentuali basse, Cremona invece segna solo con Cusin al 5’ punteggio in equilibrio (8-8). Il punteggio rimane basso, entra Buva ed Avellino cerca l’allungo, ma dall’altro lato Mc Gee riporta l’equilibrio nella partita al 9’ (12-12). Cremona spezza la parità con una tripla di Turner ma, Veikalas entrato al posto di Green con un tiro dalla media porta avanti la Sidigas, termina dunque il primo quarto con la Scandone avanti di uno (15-16).
La partita è tatticamente interessante le difese hanno preso il sopravvento sugli attacchi e si segna poco, Cusin nell’area di Cremona la fa da padrone stoppando prima Ragland poi Buva, dall’altra parte la Sidigas difende bene e al 15’ i lupi sono avanti di due (19-21). La squadra di Sacripanti non riesce a trovare tiri facili dall’area pitturata e si affida molto al tiro da tre, Cervi commette il suo terzo fallo ed è costretto ad uscire, Buva entrato al suo posto sale in cattedra mettendo in difficoltà il suo pari ruolo Cusin, e si va all’intervallo lungo con Avellino avanti di due, al 20’ (30-32).
Il terzo quarto comincia sulla falsariga del primo tempo con le due squadre a riempire l’area e lasciando molti tiri dai 6,75 con i lupi sempre a comandare anche se solo di uno, al 25’ (39-40). Negli ultimi cinque minuti si sbaglia troppo e le due squadre falliscono contropiedi facili, i biancoverdi però sono più precisi a sfruttare le occasioni e Leunen e Cervi danno il primo mini strappo alla gara, al 30’ +4 (43-47).
La Scandone prova l’allungo con Leunen e Green in difesa e con Ragland che segna la bomba del + 7, ma la Vanoli, in particolare Cusin, non demorde. Vitali piazza la bomba del sorpasso al 35’ biancoblu sul +1 (51-50), Sacripanti chiama timeout. Avellino cerca di scuotersi con Buva e Nunnally, Vitali però diventa un fattore piazzando il break decisivo e Cremona porta a casa l’ottava vittoria consecutiva al 40’ (64-58).

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *