alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, sei i tamponi positivi oggi in provincia. I contagi salgono a 228 Coronavirus, il presidente Biancardi: “Entro venerdì la Provincia la consegna dei kit in vitro veloce per la diagnosi”. Domani minuto di silenzio e bandiere a mezz’asta a Palazzo Caracciolo OLTRE CENTOMILA CASI TOTALI E UNDICIMILA MORTI IN ITALIA Coronavirus, i sindaci di Ospedaletto e Summonte scrivono al prefetto: “Non servono protagonisti ma un protocollo comune per gestire l’emergenza” Coronavirus, due giovani commercianti atripaldesi donano mascherine protettive alla città e chirurgiche all’ospedale Moscati Coronavirus, deceduto questa mattina 82enne residente a Mercogliano. Le vittime in Irpinia salgono a 24 Confcommercio, iniziative a tutela degli associati Solidarietà alimentare, il gruppo “Noi Atripalda” chiede al sindaco l’immediata convocazione per la distribuzione adeguata delle risorse Emergenza alimentare, ad Atripalda in arrivo poco meno di 86mila euro per le famiglie bisognose Coronavirus, stanziati dal Miur fondi per la didattica a distanza: risorse per il liceo Scientifico e l’Istituto comprensivo di Atripalda

Erano accusati di reati che non avevano commesso: assolti due giovani atripaldesi

Pubblicato in data: 27/12/2015 alle ore:19:05 • Categoria: CronacaStampa Articolo

tribunale-av-ingressoVigilia di Natale da ricordare per una famiglia di Atripalda che la mattina del 24 Dicembre scorso si è vista assolvere 2 giovani (rispettivamente di 18 e 20 anni) da due Tribunali Penali diversi.
Il più giovane, M.M. di 18 anni, nato e residente ad Atripalda, è stato infatti assolto dal Tribunale dei Minorenni di Napoli, Presidente Dott.ssa Bertolani, dal reato di guida senza patente e resistenza a pubblico ufficiale, commesso in Atripalda nel mese di Giugno del 2013.
Contemporaneamente, il cugino ventenne, V.G., anch’egli nato e residente ad Atripalda, veniva assolto dal Giudice del Tribunale di Avellino dal reato di ingiuria e minacce gravi commesso nell’anno 2012 nei confronti di un autista di autobus.
In entrambi i processi, i Giudici hanno accolto la tesi difensiva sostenuta dal legale dei giovani , l’Avv. Rolando Iorio, che ha dimostrato la non commissione del reato da parte dei propri assistiti. Nel processo svoltosi ad Avellino, l’avvocato Rolando Iorio era coadiuvato dall’avv. Linda Orabona.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *