alpadesa
  
Flash news:   Accorpamento temporaneo mercato del giovedì a parco Acacie, pubblicata la graduatoria degli operatori commerciali Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi

Tenta il suicidio bevendo acido muriatico, in grave condizioni 70enne atripaldese

Pubblicato in data: 7/1/2016 alle ore:07:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

ambulanzaTenta il suicidio bevendo acido muriatico, in grave condizioni 70enne atripaldese.  Lotta tra la vita e la morte un pensionato residente in via Sant’Ippolisto, pieno centro storico, che l’altra mattina ha tentato di farla finita ingerendo sostanze caustiche.
L’anziano uomo, sposato, è attualmente ricoverato presso la città ospedaliera Moscati di Avellino in gravissime condizioni.
Ad accorgersi del disperato gesto la moglie che ha immediatamente allertato il 118. Il 70enne si trova ricoverato in terapia intensiva. La sostanza caustica ingerita infatti ha provocato severe lesioni viscerali.
Ai carabinieri della locale stazione, coordinati dal comandante Costantino Cucciniello, il compito di raccogliere indizi e testimonianze utili per risalire ai motivi che hanno spinto il 70enne a compiere l’insano gesto.
Un nuovo tentativo di farla finita che denota come nella cittadina del Sabato sia diffuso il male di vivere. L’episodio segue infatti di circa un mese quello compiuto da una giovane donna 36enne di via Appia che ad inizio del mese di dicembre tentò di farla finita lanciandosi dal bancone di casa dei suoi genitori. A salvarla dall’impatto violentissimo con il suolo, dopo un volo dal quinto piano, un furgoncino parcheggiato lungo il marciapiedi sottostante dell’edificio, che fortunatamente attutì il duro colpo con l’asfalto. Tuttavia anche per lei da subito le condizioni di salute apparsero critiche tanto da richiedere diversi interventi chirurgici presso la città ospedaliera di Avellino.
La donna, stando a quanto raccolto dagli uomini delle Benemerita, già in passato avrebbe sofferto di problemi psichici e otto anni fa avrebbe tentato di farla finita con le stesse modalità fino a quando la mattina del 1 dicembre scorso, assalita forse da un momento di sconforto o di depressione, ha deciso di aprire il balcone della stanza, lasciandosi cadere nel vuoto compiendo un volo di oltre 15 metri per fortuna  attenuato dall’impatto sul tettuccio del furgoncino.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *