alpadesa
  
domenica 24 gennaio 2021
Flash news:   Vandali ancora in azione, danneggiati due alloggi popolari ad Atripalda Coronavirus, 3 casi positivi ad Atripalda nel bollettino ASL: 91 i contagiati in Irpinia Messa in sicurezza del parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda: impegno di spesa per l’affidamento della prestazione del rilievo topografico Ciclismo: la litoranea salernitana fa da sfondo al primo raduno collegiale Estorsione ai danni di un bar di Atripalda, rinvio a giudizio per un 28enne del luogo Riapertura scuole in Campania, De Luca annuncia l’ordinanza: «Superiori aperte da lunedì 1 febbraio» Appropriazione indebita, arrestato dai Carabinieri un 40enne di Atripalda colpito da mandato europeo Pianta organica del Comune, parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “firmati i decreti dei dipendenti, a breve le assunzioni” Idea Atripalda raccoglie proposte e segnalazioni per migliorare la Città Gestione del personale a Palazzo di città, il gruppo consiliare d’opposizione Noi Atripalda all’attacco. Fabiola Scioscia: “incompetenza e superficialità”

Tenta il suicidio bevendo acido muriatico, in grave condizioni 70enne atripaldese

Pubblicato in data: 7/1/2016 alle ore:07:00 • Categoria: Cronaca

ambulanzaTenta il suicidio bevendo acido muriatico, in grave condizioni 70enne atripaldese.  Lotta tra la vita e la morte un pensionato residente in via Sant’Ippolisto, pieno centro storico, che l’altra mattina ha tentato di farla finita ingerendo sostanze caustiche.
L’anziano uomo, sposato, è attualmente ricoverato presso la città ospedaliera Moscati di Avellino in gravissime condizioni.
Ad accorgersi del disperato gesto la moglie che ha immediatamente allertato il 118. Il 70enne si trova ricoverato in terapia intensiva. La sostanza caustica ingerita infatti ha provocato severe lesioni viscerali.
Ai carabinieri della locale stazione, coordinati dal comandante Costantino Cucciniello, il compito di raccogliere indizi e testimonianze utili per risalire ai motivi che hanno spinto il 70enne a compiere l’insano gesto.
Un nuovo tentativo di farla finita che denota come nella cittadina del Sabato sia diffuso il male di vivere. L’episodio segue infatti di circa un mese quello compiuto da una giovane donna 36enne di via Appia che ad inizio del mese di dicembre tentò di farla finita lanciandosi dal bancone di casa dei suoi genitori. A salvarla dall’impatto violentissimo con il suolo, dopo un volo dal quinto piano, un furgoncino parcheggiato lungo il marciapiedi sottostante dell’edificio, che fortunatamente attutì il duro colpo con l’asfalto. Tuttavia anche per lei da subito le condizioni di salute apparsero critiche tanto da richiedere diversi interventi chirurgici presso la città ospedaliera di Avellino.
La donna, stando a quanto raccolto dagli uomini delle Benemerita, già in passato avrebbe sofferto di problemi psichici e otto anni fa avrebbe tentato di farla finita con le stesse modalità fino a quando la mattina del 1 dicembre scorso, assalita forse da un momento di sconforto o di depressione, ha deciso di aprire il balcone della stanza, lasciandosi cadere nel vuoto compiendo un volo di oltre 15 metri per fortuna  attenuato dall’impatto sul tettuccio del furgoncino.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *