alpadesa
  
sabato 19 ottobre 2019
Flash news:   Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi» Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso»

Operazione Carabinieri, il 39enne atripaldese accusato di aver trovato l’alloggio in Largo Pergola al reggente del clan Lo Russo

Pubblicato in data: 13/1/2016 alle ore:09:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

largo-pergola-1C’è un atripaldese tra i diciotto arrestati dai Carabinieri del Nucleo investigativo di Napoli all’alba di ieri perché ritenuti affiliati al clan camorristico dei “Lo Russo” operante nella zona nord del capoluogo partenopeo e dedito al traffico di stupefacenti, sigarette e carburante. L’atripaldese, C.L. le sue iniziali, del ’77, è accusato infatti di aver assicurato un alloggio in città a pochi passi dal Comune, in Largo Pergola, alla latitanza di Luigi Russo ritenuto il reggente del clan Lo Russo.
Gli uomini della Benemerita hanno eseguito le ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip di Napoli per i reati di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, sigarette e carburante di contrabbando.
Stazione carabinieri AtripaldaUn’operazione che ha avuto  anche il plauso del sottosegretario alla Difesa, Gioacchino Alfano, coordinatore del Nuovo Centrodestra in Campania.
In Irpinia i carabinieri della stazione di Atripalda, coordinati dagli uomini della Benemerita di Napoli e guidati dal comandante Costantino Cucciniello. hanno tratto in arresto, un 39enne del luogo con l’accusa di favoreggiamento personale con l’aggravante dell’articolo 7 per concorso esterno in associazione camorristica. L’uomo, C.L. le sue iniziali, del ’77, è accusato infatti di aver procurato un appartamento in Largo Pergola, al latitante Luigi Russo, 28 anni, affiliato al clan Lo Russo, arrestato a fine settembre 2014 proprio nella cittadina del Sabato e ricercato da sei mesi con due mandati di cattura che pendevano sulle sue spalle: uno per tentato omicidio, l’altro per associazione finalizzata al traffico di droga e per associazione mafiosa.
L’accusa nei confronti del 39enne atripaldese arrestato ieri e di aver trovato l’alloggio al latitante napoletano proprio nel cuore del centro storico cittadino. L’attività investigativa, infatti, subito dopo l’arresto del latitante napoletano, è proseguita senza sosta.
La notizia che proprio nella cittadina del Sabato un famoso latitante napoletano avesse trovato rifugio fece scalpore in Irpinia. Luigi Russo si nascondeva con la moglie in un appartamento in Largo Pergola, la piazzetta del centro storico lungo salita Palazzo, che ospita l’Ufficio tecnico comunale e l’ingresso pedonale per la scuola materna di via San Giacomo. Il ventottenne, detto Giggiotto, era ritenuto dagli investigatori personaggio di spicco del clan Lo Russo in cui, dopo l’arresto a Nizza di Antonio e Davide Lo Russo, svolgeva il ruolo di reggente. Si era dato alla fuga subito dopo un agguato per vendicare la morte di un esponente del cartello.  Quando i militari, oltre una trentina impegnati nell’operazione di cattura, fecero irruzione nell’appartamento atripaldese, l’uomo per sfuggire cercò di trarre in inganno i carabinieri, mostrando loro una carta d’identità falsificata. Un raggiro però che non valse a nulla. Ai suoi polsi scattarono le manette, ponendo fine ai sei mesi di latitanza.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *