alpadesa
  
sabato 31 ottobre 2020
Flash news:   Coronavirus, nuovo record in Italia: sono 31.084 i nuovi contagi Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda Coronavirus, comunicato del Sindaco di Atripalda sui 31 contagiati in città: “la buona parte non presenta sintomi” Coronavirus, il contagio non si ferma: altri 4 casi ad Atripalda. In provincia sono 187 i positivi Farmer Market di Atripalda, ok alla gestione annuale Tamponi drive-in, l’Asl attiva 5 postazioni fisse in Irpinia

Ad Atripalda i Campionati Regionali di Pattinaggio su strada, il delegato provinciale Lucchese: “Opportunità non compresa dal capoluogo”

Pubblicato in data: 14/1/2016 alle ore:08:00 • Categoria: Attualità

IMG_7989Parco Palatucci è una struttura vandalizzata dalle potenzialità incomprese, i Campionati Regionali di Pattinaggio su strada si faranno ad Atripalda“, a parlare è il delegato provinciale FIHP Giuseppe Lucchese che invoca da tempo nuova vita per la pista di pattinaggio di Parco Palatucci.Proprio per la mancanza di un impianto sportivo adeguato nel capoluogo la Federazione provinciale ha organizzato ad Atripalda il Campionato Regionale di Pattinaggio su Strada in programma il prossimo 24 aprile in piazza Umberto I grazie all’impegno in concerto anche del Coni provinciale della Pro Loco atripaldese guidata da Lello Labate e dal Roller Club Avellino. “Dato che ad Avellino la struttura è abbandonata da anni i campionati regionali si svolgeranno ad Atripalda – prosegue – ringrazio tutti coloro che hanno reso possibile questo traguardo mentre ad Avellino si stia perdendo l’occasione di far rinascere un impianto che, una volta realizzato, potrà dare grandi soddisfazioni ai giovani atleti locali visto che si tratta delle pista di pattinaggio più grande dell’Italia Meridionale”. La Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio si dice pronta a partecipare al bando che l’amministrazione comunale avellinese è in procinto di pubblicare per la riqualificazione della struttura abbandonata e vandalizzata da anni. I tecnici della Federazione, dopo un sopralluogo sul campo, hanno stimato che per rimettere a nuovo la pista occorrerebbe un investimento di circa 100mila euro che la Federazione si dice pronta ad investire per poi prendersene cura attraverso la gestione in modo da garantirne il funzionamento e la tutela. Ad interessare la struttura c’è anche la somma di 100 milioni di euro per la realizzazione di impianti sportivi nelle periferie delle città italiane stanziata dal consiglio dei Ministri e che sarà gestita da Palazzo Chigi in pieno concerto con il Coni cui spetterà individuare le priorità d’intervento. “Siamo in contatto anche con il Coni provinciale – prosegue – e naturalmente con la federazione regionale, il nostro obiettivo è quello di rivedere presto la struttura in funzione, mi auguro che il Comune non si faccia sfuggire tali opportunità”. Intanto il tempo è passato e la pista è diventata oggetto di vandalismo. Basta un rapido sguardo sul posto, infatti, per rendersi conto dello stato in cui versa: i divisori in plexiglass sono imbrattati da scritte indelebili e sfondati in più punti, le mattonelle della pista piana risultano spaccate in più punti a causa di intemperie e atti vandalici: “Dato che l’impianto è incustodito da anni ci risulta addirittura che la pista veniva utilizzata per gare di skateboard con salti di due e tre metri e che sulle tribune fu parcheggiato anche un rimorchio di un camion – prosegue – .I lavori non furono fatti a regola d’arte in quanto non fu tenuto conto del deflusso delle acque piovane e si creano enormi pantani durante le piogge. Un degrado totale per gli spogliatoi, la pista e per gli altri impianti sportivi che negli anni si erano aggiunti come il campo di bocce e calcetto, diventati terra di nessuno”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *