alpadesa
  
sabato 16 gennaio 2021
Flash news:   Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti” La formaggeria riapre a 24 ore dal raid, Luca: “Siamo forti, andiamo avanti come se nulla fosse”

Sorpreso con attrezzi atti allo scasso di auto in un parcheggio di un supermercato, 39enne di Castelvetere denunciato dai Carabinieri di Atripalda

Pubblicato in data: 14/1/2016 alle ore:14:29 • Categoria: Cronaca

Stazione carabinieri AtripaldaI Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno denunciato alla competente Autorità Giudiziaria un uomo ritenuto responsabile del reato di possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli.

In particolare, nel corso di un servizio perlustrativo svolto nell’ambito della capillare attività di controllo del territorio che il Comando Provinciale Carabinieri di Avellino quotidianamente dispiega al fine di garantire sicurezza e rispetto della legalità, all’occhio vigile dei militari non è passato inosservato l’atteggiamento sospetto di un 39enne di Castelvetere sul Calore, già noto alle Forze di Polizia per reati contro il patrimonio. Lo stesso veniva notato nel piazzale di un noto supermercato di Atripalda mentre si aggirava furtivamente tra le autovetture in sosta, guardando all’interno delle stesse e verificando se fossero o meno chiuse a chiave, facendo quindi ritenere che fosse intenzionato a compiere un furto.

I Carabinieri, dopo aver meglio scrutato i movimenti del soggetto senza che questi potesse altrimenti accorgersene, lo raggiungevano repentinamente. Sottoposto a perquisizione veniva trovato in possesso di un cacciavite che lo stesso occultava sotto i pantaloni.

Il 39enne, inchiodato alle proprie responsabilità da tutte le evidenze raccolte, veniva quindi denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Lo stesso, a distanza solo di qualche giorno, è stato nuovamente denunciato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Avellino. Questa volta notato nel capoluogo irpino da un cittadino che, a testimonianza dell’inestimabile valore aggiunto offerto dalla partecipazione della collettività al bene comune della sicurezza, non esitava ad allertare con tempestività il 112 segnalando il maldestro tentativo messo in atto dallo stesso malvivente che tentava di aprire un’auto in sosta.

Bastava un attimo ai militari in servizio presso la Centrale Operativa, a comprendere che dietro quella animosa telefonata si celava una fondata notizia di reato, motivo per il quale veniva disposto in tempo reale l’invio di un’autoradio. Giunti sul posto, alcuni testimoni fornivano ai carabinieri più chiare indicazioni sulla persona segnalata e sulla sua direzione di fuga. Grazie alle informazioni ricevute, dopo una breve ricerca i militari operanti individuavano e bloccavano lo stesso 39enne che, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria veniva nuovamente deferito in stato di libertà.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *