alpadesa
  
sabato 19 ottobre 2019
Flash news:   Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi» Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso»

D’Angelo: «non potevamo perdere il derby di fronte ad un pubblico così»

Pubblicato in data: 17/1/2016 alle ore:17:30 • Categoria: Avellino CalcioStampa Articolo

D'Angelo«Il derby è sempre il derby. Nel primo tempo ci siamo studiati, abbiamo rischiato un po’ ma nel secondo tempo ho visto l’Avellino di sempre. Dovevamo dare questa gioia a tutta la provincia. Abbiamo meritato». Da cilentano ma, ormai, avellinese d’adozione, ai microfoni in sala stampa non nasconde la sua gioia per la vittoria nel derby il capitano Angelo D’Angelo. «Per me un derby che è qualcosa di speciale. Io mi sento avellinese anche se sono cilentano. Questa maglia me la sento cucita addosso. Sei vittorie consecutive è facile parlare. Non dimentichiamo quando fango abbiamo ricevuto in quel periodo. Ci siamo compattati e il gruppo sta dimostrando tutto il suo valore».
Sugli avversari: «Ho visto una grande Salernitana. Due mesi fa eravamo nella stessa condizione. Devono compattarsi, la B è un campionato tosto ma ce la possono fare. I giocatori ci sono e nelle palle inattive ci hanno messo un po’ in difficoltà. Ha trovato un Avellino che ha fatto scoppiare il pallone».
Commenta anche l’imminente cessione di Trotta: «Non poteva salutarci nel migliore dei modi. E’ stato grande. Gli ho detto: se proprio devi ci lasci alla grande. Sono contento per lui». Su Zito: «Si prende i fischi del pubblico ma è normale. E’ un amico oltre un compagno e ha lasciato lo spogliatoio con le lacrime agli occhi». Infine uno sguardo al futuro: «E’ facile volare. Sappiamo da dove veniamo e con questa mentalità e questa umiltà andiamo a Modena. Poi c’è il Cagliari ma giochiamole una alla volta».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *