alpadesa
  
Flash news:   Furti nei garages di via San Giacomo e altre zone di Atripalda: al via il processo Coronavirus, 38 i positivi oggi su 577 tamponi effettuati in Irpinia Video sorveglianza non ancora attiva ad Atripalda, l’affondo dell’ex assessore Ulderico Pacia Vandali ancora in azione, danneggiati due alloggi popolari ad Atripalda Coronavirus, 3 casi positivi ad Atripalda nel bollettino ASL: 91 i contagiati in Irpinia Messa in sicurezza del parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda: impegno di spesa per l’affidamento della prestazione del rilievo topografico Ciclismo: la litoranea salernitana fa da sfondo al primo raduno collegiale Estorsione ai danni di un bar di Atripalda, rinvio a giudizio per un 28enne del luogo Riapertura scuole in Campania, De Luca annuncia l’ordinanza: «Superiori aperte da lunedì 1 febbraio» Appropriazione indebita, arrestato dai Carabinieri un 40enne di Atripalda colpito da mandato europeo

Al via al Liceo De Caprariis la campagna di sensibilizzazione all’uso del defibrillatore

Pubblicato in data: 21/1/2016 alle ore:11:24 • Categoria: Cultura

ImmagineE’ partita la campagna di sensibilizzazione, presso il Liceo Statale “De Caprariis” di Atripalda, per l’utilizzo del defibrillatore e sulle nozioni di primo soccorso. Gli incontri calendarizzati hanno visto la partecipazione degli studenti delle 1 e 2 classi del Liceo. L’incontro è stato attivato dai dottori Bernardi,  Mazzeo e Alviggi che attraverso la simulazione di un primo soccorso e la diffusione di un video hanno dato inizio alle giornate del progetto “Isal salute”. Seguiranno altri incontri presso la sede del Liceo che coinvolgeranno anche il personale docente e non dell’Istituto e gli altri allievi delle 3 – 4 e 5 classi.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *